15 agosto 2020
Aggiornato 01:00
Tensioni nella maggioranza

Governo, botta e risposta su Facebook tra il renziano Anzaldi e Casalino

Un botta e risposta su facebook, rischia di essere l’ennesima miccia per accendere lo scontro interno alla maggioranza di governo. Bellanova e Rosato: «Gravissime minacce di Casalino ad Anzaldi»

Il portavoce di Palazzo Chigi, Rocco Casalino
Il portavoce di Palazzo Chigi, Rocco Casalino ANSA

ROMA - Duro botta e risposta tra il deputato di Italia viva Michele Anzaldi e il portavoce del premier Rocco Casalino. Anzaldi scrive su Facebook accusando Casalino di essere la fonte delle indiscrezioni su un possibile cambio di maggioranza riportate oggi dai giornali e smentite da palazzo Chigi e Quirinale. Il portavoce del premier replica postando l'articolo 595 del codice penale sulla diffamazione.

Scrive Anzaldi: «Comprensibile l'irritazione del Quirinale per le indiscrezioni infondate fatte uscire sull'incontro con Conte, ma dopo l'audio di Casalino che ai giornalisti annunciava il Conte Ter c'è poco da stupirsi: la campagna orchestrata dal portavoce di palazzo Chigi calpesta non solo il Parlamento e i partiti della maggioranza, ma anche la presidenza della Repubblica. Una vergognosa mistificazione, degna del Papocchio di Roberto Benigni».

Poco dopo compare un post di Rocco Casalino. Nessun commento personale, solo il copia-incolla dell'articolo del codice penale sulla diffamazione.

Bellanova e Rosato: «Gravissime minacce di Casalino ad Anzaldi»

«E' gravissimo che il portavoce del presidente del consiglio minacci un parlamentare della repubblica, cercando di zittire il sacrosanto diritto di critica». Così il vicepresidente della Camera Ettore Rosato, coordinatore nazionale di Italia Viva e la Ministra dell'Agricoltura Teresa Bellanova, capo delegazione al governo, dopo i commenti di Rocco Casalino sulla pagina Facebook di Michele Anzaldi

«Se Casalino vuole evitare figuracce, non mandi in giro audio in cui svela le sue vere intenzioni, ma - sottolineano - sappiamo che il portavoce del premier non e' nuovo a simili uscite. Dopo aver minacciato la chiusura de Il Foglio, ora vuole mettere a tacere un parlamentare. Ora - concludono - chiediamo che chi rappresenta le istituzioni coinvolte reagisca. Il presidente del Consiglio Conte prenda immediatamente le distanze e il presidente della Camera Fico intervenga a tutela di un deputato della Repubblica».