7 dicembre 2019
Aggiornato 00:30

Di Maio insiste: «Revocare la concessione ad Autostrade»

Il leader del MoVimento 5 Stelle: «Grave situazione viadotti, non siamo tranquilli sulle strade». Dura la replica della Deputata Manuela Gagliardi: «Da Di Maio inaccettabile speculazione»

Il capo politico del MoVimento 5 Stelle, Luigi Di Maio
Il capo politico del MoVimento 5 Stelle, Luigi Di Maio ANSA

ROMA - «'Signori, questo è un altro Morandi'. Sono le parole pronunciate a Genova da uno degli inquirenti che indagano sulla tragedia del Ponte Morandi e sui falsi report dei concessionari autostradali. Non si trattava del 'Madonna del Monte' dell'A6 collassato ieri a Savona, ma di un altro viadotto: il Coppetta. Si trova pochi chilometri fuori da Genova ed è grave. E' grave che in un momento in cui l'Italia è travolta dal maltempo con vittime e danni ovunque non possiamo stare tranquilli sulle strade che percorriamo». Lo ha scritto i leader del M5S, Luigi Di Maio, sula sua pagina Facebook.

Di Maio: «Non siamo tranquilli sulle strade»

«Bisogna muoversi: ad Autostrade - ha aggiunto - va revocata la concessione e va avviato un monitoraggio nazionale. Un lavoratore deve poter restare a casa quando c'è l'allerta rossa senza avere paura che la giornata di lavoro non gli venga pagata. Le vittime di questi giorni erano lavoratori che stavano andando al lavoro...», ha concluso Di Maio.

Gagliardi: «Da Di Maio inaccettabile speculazione»

«Prima di aprire la bocca sarebbe sempre meglio sapere quello che si dice. Il Ministro Di Maio che specula sulla tragedia accaduta in Liguria per attaccare i concessionari delle autostrade, senza sapere che il crollo del viadotto avvenuto in Liguria è stato causato da una frana, non si può davvero accettare! Ma in che mani siamo? #andateveneacasa #speculatorisenzascrupoli». Lo scrive su Facebook la deputata ligure di Cambiamo! Manuela Gagliardi.

Melis: «Bilancio drammatico nel Savonese»

«La perturbazione che ha interessato la Liguria, come prevista correttamente da Arpal, ha colpito duramente il nostro territorio: tutto il Savonese, dalla costa all'entroterra, infatti, è stato martoriato da una pioggia incessante, con gravi conseguenze su molte strade». Così, il consigliere regionale Andrea Melis dell'M5s commentando le conseguenze dell'ennesima ondata di maltempo che ha interessato la Liguria e duramente colpito il Savonese.

«Un ringraziamento a tutto il sistema di Protezione Civile che, con le sue molteplici componenti, ha garantito un presidio costante evitando conseguenze peggiori. Ora è necessario avviare fin da subito le verifiche puntuali per valutare i danni e inoltrare velocemente le richieste verso Regione e Stato affinché si possa procedere alla messa in sicurezza, dove necessario, e al ripristino in particolar modo delle strade dell'entroterra, oltre a quanto i Comuni autonomamente riusciranno a fare». Melis aggiunge: «Da parte mia, ci sarà la massima disponibilità e il massimo impegno perché l'iter per far fronte alle emergenze e alle necessità avvenga in tempi celeri nell'interesse dei cittadini e dei nostri territori».