17 ottobre 2019
Aggiornato 17:30

Conte: «Non sarò il Giudice di Siri»

Il Presidente del Consiglio: «Su questo sono d'accordo con Salvini». Nei prossimi giorni Conte dovrebbe incontrare Siri

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte
Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte ANSA

ROMA - «Sono d'accordo con Salvini, non sono giudice, ho fatto l'avvocato e mai il giudice anche in passato e quindi giudice non lo sono neppure adesso. Non è certo con l'approccio del giudice che affronterò il problema» del sottosegretario della Lega Armando Siri indagato nell'ambito di un'inchiesta. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte parlando con i giornalisti, in diretta su Rainews 24, al termine della sua visita a Pechino.

Nei prossimi giorni l'incontro Conte-Siri

Nei prossimi giorni Conte dovrebbe incontrare Siri, non è probabile che sia domani, come hanno fatto sapere fonti di Palazzo Chigi, perchè il premier deve ripartire per il vertice bilaterale in Tunisia previsto per martedì. L'incontro si dovrebbe dunque tenere nei giorni successivi.

Conte: mai detto «Siri lasci o salta tutto»

«Il ragionamento e il virgolettato attribuiti al Presidente Conte dal 'Messaggero', nel pezzo dal titolo 'Siri, Conte: lasci o salta tutto', sono destituiti di ogni fondamento. Il Presidente Conte ha già espresso in maniera chiara la sua posizione sulla vicenda riguardante il sottosegretario Siri, posizione che non è cambiata». E' quanto chiariscono fonti di Palazzo Chigi.