16 giugno 2019
Aggiornato 00:30
L'inchiesta

Revocati i domiciliari ai genitori dell'ex Premier. Renzi: «Media meno interessati»

Il Senatore del PD: «Processi nelle Aule non sui giornali. Lì vedremo chi ha ragione e chi torto. Confermo fiducia nella Magistratura»

Matteo Renzi con sullo sfondo la foto del padre Tiziano
Matteo Renzi con sullo sfondo la foto del padre Tiziano ( ANSA )

ROMA - «I miei genitori sono tornati in libertà. Il Tribunale del Riesame infatti ha annullato la decisione del GIP, decisione che era parsa a molti, dal primo momento, abnorme e assurda». Lo scrive Matteo Renzi in un post su Facebook. «Ovviamente - aggiunge - la notizia non avrà la stessa eco che ha avuto l'arresto: il circo mediatico sarà meno interessato. Come del resto le archiviazioni o assoluzioni non hanno mai lo stesso spazio dell'apertura delle indagini. Ma i processi si fanno nelle aule, non sui giornali, e vedremo chi avrà ragione e chi torto».

Confermo fiducia nella Magistratura

«Da rappresentante delle istituzioni confermo, a maggior ragione oggi, la mia fiducia nella giustizia italiana. Da figlio - aggiunge - dico che sono stati i giorni più brutti della vita della nostra famiglia». Ora «ci sarà una lunga maratona nelle aule di Tribunale, sia per i procedimenti aperti dalla procura, sia per le nostre cause di risarcimento civile. Ma so che i miei affronteranno questa prova con la forza di chi proclama la propria innocenza e di chi si sente abbracciato dall'affetto dei propri cari. Aspettiamo le sentenze - sottolinea Matteo Renzi - quelle dei tribunali. Per adesso ce sono solo due: tutte e due condannano Marco Travaglio a pagare un risarcimento a mio padre. Vedremo in futuro. Intanto oggi il primo passo avanti. Proprio una bella giornata».