23 maggio 2019
Aggiornato 05:00
Gran Bretagna

Boldrini preoccupata per la Brexit: «Nessun piano del Governo, Savona riferisca alla Camera»

La Deputata di Liberi e Uguali: «Si rendono conto della situazione?». Ungaro (Pd): «Italia si prepari alla Brexit, governo batta un colpo»

L'ex Presidente della Camera, Laura Boldrini
L'ex Presidente della Camera, Laura Boldrini ( ANSA )

ROMA - «A differenza di altri Paesi, tra cui Germania, Francia, Spagna e la stessa Commissione europea, il governo italiano non sembra stia disponendo alcun piano nel caso, che purtroppo diventa sempre più probabile, che la Gran Bretagna lasci l'Ue senza alcun accordo con Bruxelles. È un tema importante e delicato che interessa gli oltre 600.000 italiani che vivono nel Regno Unito e le imprese che hanno rapporti economici e commerciali con Londra. Ma si sono accorti che quello che sta succedendo oltremanica riguarda direttamente il nostro Paese o sono troppo presi dalla propaganda elettorale? Su questo tema è bene che il ministro Paolo Savona riferisca quanto prima alla Camera». Lo afferma Laura Boldrini, deputata di Liberi e Uguali.

Ungaro (Pd): «Italia si prepari alla Brexit, governo batta un colpo»

«La Brexit è un processo storico-politico senza precedenti. Il Regno Unito si ritrova in una profonda paralisi politica ed istituzionale. E' inaccettabile che l'Italia, unico tra i grandi paesi europei, non si prepari per qualsiasi evenienza. Lo hanno fatto Francia, Spagna, Belgio, Germania e altri partner continentali li stanno seguendo. Il nostro Paese è fermo. Per questo ho deciso di presentare un ennesimo atto di sindacato ispettivo, oltre ai tanti presentati alla Camera dei deputati, per chiedere al Governo cosa abbia intenzione di fare nel più breve tempo possibile. Lo dobbiamo alle nostri imprese, ai nostri cittadini e ai 700.000 italiani residenti in Gran Bretagna». Lo afferma Massimo Ungaro, Deputato del PD eletto nel collegio Estero-Europa e segretario del PD Londra.