31 maggio 2020
Aggiornato 00:30
Governo Gentiloni

Il Pd dà precedenza al biotestamento, Zanda: «Approveremo anche Ius soli»

Il capogruppo del Pd al Senato ha rassicurato, commentando la decisione di collocare il provvedimento sulla cittadinanza agli stranieri all'ultimo posto del calendario dell'Aula

ROMA - Il disegno di legge sul fine vita «per noi è una priorità», per questo è stato messo al primo punto all'ordine del giorno dell'Aula al posto del Regolamento su cui pure c'è un accordo complessivo. Lo ha spiegato il capogruppo del Pd a palazzo Madama, Luigi Zanda, al termine della capigruppo. Zanda ha poi spiegato che il calendario elaborato dalla conferenza dei capigruppo del Senato fino a Natale è «realistico», quindi è possibile anche approvare lo ius soli che pure è stato collocato all'ultimo punto. «Si tratta - osserva - di un programma importante. Per cercare di realizzarlo, su proposta del Pd, il calendario si è spinto a prevedere lavori anche nei primi giorni dell'ultima settimana prima di Natale. Sarà necessario che i gruppi regolamentino bene i loro interventi in aula, ma i tempi di lavoro programmati sono realistici».

Ius soli per noi è importante
«Lo ius soli per noi è importante, ma stiamo continuando a costruire una maggioranza e ci siamo vicini», ha concluso il capogruppo del Pd al Senato, commentando la decisione di collocare il provvedimento sulla cittadinanza all'ultimo posto del calendario dell'Aula.
 

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal