15 agosto 2018
Aggiornato 22:00

Toti bacchetta M5s: «Hanno bisogno di una seduta di autocoscienza»

Il governatore della Regione Liguria ha preso una posizione piuttosto netta contro il Movimento, soprattutto dopo le esperienze di Roma e Torino.

GENOVA - «Il M5s mi sembra che faccia fatica a dialogare con se stesso, dovrebbero prima di tutto capire chi sono, dove vanno, perché sono qui, domande esistenziali che spettano all'uomo e anche ai movimenti politici. Dopodiché una volta che hanno trovato una loro dimensione, una loro collocazione e un loro equilibrio, io dialogo con tutti». Lo ha detto il governatore della Liguria e consigliere politico di Forza Italia, Giovanni Toti.

POSIZIONI DISTANTI - «Al momento - ha aggiunto il governatore ligure - non mi pare che le loro ricette di governo sulla capitale ad esempio o su Torino portino i risultati che hanno promesso agli elettori e mi pare che il Movimento continui ad esprimere in campo politico ricette molto ondivaghe sull'immigrazione e sull'economia. Non è chiaro - ha sottolineato Toti - cosa pensano degli investimenti sulle infrastrutture, dell'immigrazione e dei rapporti con l'Europa dove hanno scelto due volte di cambiare gruppo parlamentare e poi alla fine sono rimasti dove sono. Credo ci sia bisogno prima di tutto di una seduta di autocoscienza di quel movimento, dopodiché ci ragioneremo se è il caso di ragionarci. Al momento - ha concluso il consigliere politico di Forza Italia - le posizioni le vedo molto molto distanti».