Cittadinanza agli stranieri

Meloni lancia da Civitavecchia la raccolta firme contro lo ius soli

La leader di Fdi: Fratelli d'Italia dice basta: noi non vogliamo parlare più di dove accoglierli o dove farli sbarcare. Noi vogliamo parlare solamente di come si fa a impedire ai barconi di partire

ROMA - «Dopo essere sbarcati in Sicilia, in Calabria, in Puglia, in Campania gli immigrati clandestini arrivano a Civitavecchia, in quello che è il porto crocieristico più grande d'Europa. Fratelli d'Italia dice basta: noi non vogliamo parlare più di dove accoglierli o dove farli sbarcare. Noi vogliamo parlare solamente di come si fa a impedire ai barconi di partire. Noi vogliamo parlare solamente di un blocco navale a largo delle coste della Libia. Gentiloni e Renzi svegliatevi: non vogliamo diventare il campo profughi d'Europa». Lo ha detto la leader di Fdi Giorgia Meloni durante un'iniziativa del partito al porto di Civitavecchia.

«Un camper di Fratelli d'Italia attraverserà l'Italia per raccogliere le firme degli italiani contro la vergogna dello ius soli, la legge con la quale il PD vuole dare la cittadinanza automatica a chiunque nasca in Italia anche da famiglia straniera», ha detto la leader di Fdi. «Dicono che gli immigrati fanno dei lavori che gli italiani non vogliono più fare: probabilmente - ha ironizzato - uno di questi è votare il Pd ed è la ragione per la quale a pochi mesi dal voto il Pd cerca una sanatoria con la quale dare la cittadinanza a centinaia di migliaia di persone nella speranza che contino loro perché gli italiani il Pd non lo vogliono votare più».