6 dicembre 2019
Aggiornato 01:00

Castelli (M5S): «Censura di stato su Virginia Raggi, simbolo della paura del sistema»

Intervista alla deputata pentastellata torinese. Il Movimento 5 stelle punta al 40% dei consensi, unica modo per superare al tenaglia Renzi - Berlusconi, e lo otterrà «grazie al buon governo delle nostre città»

TORINO - Secondo la parlamentare del M5s sono evidenti le paure che i partiti, a cominciare dal Partito Democratico, hanno di una prossima salita alle responsabilità di governo del M5s. Che rifiuta il corteggiamento dei fuori usciti del Pd, a cominciare da Bersani e compagni. «Il buon governo delle nostre città - sostiene Laura Castelli - è l'unico metro con cui veniamo giudicati. Al di dà degli scandali creati ad arte dai giornali».

VEDI ANCHE «Firme irregolari per la Raggi», la denuncia delle Iene