15 settembre 2019
Aggiornato 17:30
Società

«Mettere le famiglie in condizione di fare figli»

Il Presidente di Istat, Gian Carlo Blangiardo: «Cresce la popolazione straniera con impatto sulle variabili economiche»

«Mettere le famiglie in condizione di fare figli»
«Mettere le famiglie in condizione di fare figli» ANSA

RIMINI - Oggi in Italia si registra «una minor fecondità» dovuta anche a «motivi di natura economica». Per migliorare la situazione demografica «è necessario che le famiglie, le coppie, siano messe in condizione di poter fare quei figli». Ne è convinto il presidente di Istat, Gian Carlo Blangiardo, che in un'intervista al Sussidiario.net ricorda come «la trasformazione della popolazione avrà sicuramente un impatto importante sulle variabili, come quella dei consumi, che poi incidono sul quadro generale economico».

Cresce la popolazione straniera

Quanto questa situazione demografica può accentuare i problemi dell'economia? «Non credo si sia in grado di misurare con precisione l'effetto, l'incidenza» che la situazione demografica italiana ha sull'economia. «Credo sia comunque ragionevole ipotizzare che ci sia una connessione - ha spiegato Blangiardo nell'intervista -. Per esempio, se le famiglie cambiano in termini numerici, ma soprattutto dimensionali, è evidente che ciò incide sui consumi. Sta crescendo la popolazione straniera, sempre più assimilata e integrata, ma probabilmente per motivi di minor reddito ha livelli di consumi mediamente più bassi rispetto alla popolazione autoctona». Quindi, secondo il presidente di Istat «dobbiamo mettere in conto che la trasformazione della popolazione avrà sicuramente un impatto importante sulle variabili, come quella dei consumi, che poi incidono sul quadro generale economico».

Un rinvio, che molto spesso diventa rinuncia

«E' necessario che le famiglie, le coppie, siano messe in condizione di poter fare quei figli che oggi non fanno - ha detto Blangiardo al Sussidiario.net, prima di partecipare a un incontro al Meeting di Cl - C'è una minor fecondità, un rinvio, che molto spesso diventa rinuncia, nell'avere il secondo o il terzo figlio, anche per motivi di natura economica, legati alla struttura del mercato del lavoro, alla difficile conciliazione tra maternità e lavoro. C'è anche un contesto culturale che non sembra gratificare chi eroicamente decide magari di fare più figli». Tutte queste cause, secondo il presidente di Istat «interagiscono e si sommano, producendo il risultato finale che poi osserviamo attraverso i dati statistici».