24 settembre 2018
Aggiornato 22:30

La scure giudiziaria minaccia la Lega: Salvini prepara la trincea

Il rischio del sequestro dei fondi fino alla famosa 'quota' dei 49 milioni di euro è un rischio concreto. Così nel Carroccio si preparano le contromisure
Matteo Salvini, a margine della festa della Lega di Pinzolo (Trento)
Matteo Salvini, a margine della festa della Lega di Pinzolo (Trento) (ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

MILANO - Il segretario della Lega, Matteo Salvini, ostenta sicurezza in attesa dell'udienza del Tribunale del Riesame di Genova che nel giro di 24 ore potrebbe svuotare le casse del partito. Eppure se i magistrati dovessero decidere di estendere il blocco dei fondi anche alle somme che entreranno in futuro nelle casse del Carroccio fino a raggiungere la quota di 49 milioni di euro a quel punto il partito, almeno come lo conosciamo oggi, «non potrebbe più esistere». Lo ha ammesso nei giorni scorsi il vice di Salvini, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, anche se non è detto che la vicenda sia al capolinea e comunque i leghisti si preparano a entrare in trincea.

La situazione
Anzitutto bisognerà capire fino a che punto la magistratura riconoscerà che c'è continuità tra la vecchia Lega di Umberto Bossi e dell'ex tesoriere Franceso Belsito, condannati per truffa ai danni dello Stato in relazione ai rimborsi parlamentari del periodo 2008-2010, e quella sovranista e nazionale di oggi. Poi il ministro dell'Interno ha già pronte diverse contromisure, tanto per un eventuale cambio di nome quanto di simbolo. Infine il Tribunale di Genova aveva già decretato in primo grado che le uniche somme sequestrabili erano quelle presenti nelle casse del partito al momento dell'esecuzione del provvedimento di sequestro e non quelle che sarebbero entrate successivamente nelle disponibilità del Carroccio, come richiesto dalla Procura. Lo scorso giugno è però intervenuta la Cassazione annullando l'ordinanza con la quale i giudici genovesi avevano fermato il sequestro a tappeto e chiedendo un nuovo pronunciamento del Riesame.

«La Lega esisterà, anche senza soldi»
D'altra parte Salvini ha escluso che l'esigenza di dimostrare discontinuità, anche giuridica, con il passato possa spingerlo fino a far sparire il nome Lega, che - ha detto - «C'è e ci sarà, coi soldi o senza» perché «la Lega è il popolo e il popolo non lo ferma nessuno». Certo è, paradossalmente, che un eventuale pronunciamento sfavorevole del Riesame potrebbe fare il gioco di Salvini, già incoraggiato da sondaggi che danno la Lega con il vento in poppa. Con un soggetto politico tutto nuovo l'operazione di nazionalizzazione del partito potrebbe infatti procedere più speditamente, anche senza passare da un congresso, e incoraggiare il ministro dell'Interno a tentare un rapido incasso elettorale.