10 dicembre 2018
Aggiornato 14:00

Per i bookmaker sarà un governo di centrodestra, lungo e stabile

Sulla lavagna dei bookmaker un governo di coalizione di centrodestra, con Salvini Premier, è l'ipotesi più probabile
Il leader della Lega Matteo Salvini
Il leader della Lega Matteo Salvini (ANSA/DANIEL DAL ZENNARO)

ROMA - Le elezioni politiche hanno decretato la vittoria alle urne di M5S e Lega, partiti che hanno avuto un vero e proprio exploit in termini percentuali, ma non hanno dato risposte certe sulla squadra di Governo che guiderà il Paese per i prossimi 5 anni. Sulla lavagna dei bookmaker - riferisce l'agenzia Agimeg - un governo di coalizione di centrodestra, con Salvini Premier, è l'ipotesi più probabile, offerta a 1,50, ma in queste ore è sempre più calda la pista che porterebbe il M5S ad allearsi con il PD, dopo le dimissioni di Renzi come segretario del partito democratico. Del resto, la minoranza dem, su tutti il governatore della Puglia Michele Emiliano, ha aperto ai pentastellati, così come il sindaco di Torino, Sergio Chiamparino. Ecco allora che la quota su una coalizione M5S-PD è scesa a 2,50 e non appare più così impossibile. Si sale a 5,00 invece per un governo M5S-Lega, i due schieramenti che più di altri sono accomunati da una buona dose di antieuropeismo e populismo.

Una legislatura lunga e stabile
Sul fatto che si trovi un accordo politico a livello nazionale, dopo l'iniziale scetticismo, i bookmaker non hanno dubbi: il giuramento del nuovo Esecutivo entro il prossimo 30 aprile - riferisce ancora l'agenzia Agimeg - è un'ipotesi molto più che probabile, e si gioca adesso a 1,30 dal precedente 1,60. La 18esima legislatura della storia repubblicana, sempre secondo i quotisti, sarà stabile e avrà una durata di cinque anni: il 2023 come data delle prossime elezioni è l'ipotesi più probabile e si gioca in lavagna a 1,50.

Meloni: "Parole di Berlusconi non mi preoccupano"
Intanto è tornata a parlare Giorgia Meloni: "Non sono numeri facili, ma non sono numeri impossibili" ha detto la leader di Fdi a proposito dei parlamentari che mancano alla coalizione di centrodestra per avere la maggioranza in Parlamento. "Non mi preoccupano le parole di Berlusconi, è normale rimanga il leader del suo partito, che ha concorso al risulato della coalizione, il risultato della Lega è straordinario, quello di Fdi vede una crescita pari al 500 per cento dei parlamentari". "Non penso che ci sarà un altro nome da parte di Forza Italia per il premier" rispetto a quello di Salvini, ha concluso la Meloni.