15 dicembre 2019
Aggiornato 21:00
Criminalità

Preso in Spagna superlatitante della nuova Banda della Magliana

Il boss Fausto Pellegrinetti, detto Franco, era ricercato da 15 anni

Un fermo immagine dell'arresto di Fausto Pellegrinetti, boss della nuova banda della Magliana
Un fermo immagine dell'arresto di Fausto Pellegrinetti, boss della nuova banda della Magliana ANSA

ROMA - E' stato catturato in Spagna il superlatitante della nuova banda della Magliana Fausto Pellegrinetti: l'uomo (alias Franco, Enrico Longo, Franco Pennello, Giulio Dedonese), 76 anni, era ricercato da oltre 15 anni poiché condannato in via definitiva a 13 anni di reclusione per i reati di associazione a delinquere finalizzata al narcotraffico e riciclaggio.

La cattura
Pellegrinetti è stato arrestato nel primo pomeriggio di ieri al termine di un'indagine durata circa due anni, condotta dalla Squadra Mobile di Roma, dal Servizio Centrale Operativo, in collaborazione con la polizia nazionale spagnola UDYCO Central, la Direzione Centrale Polizia Criminale - SCIP - e la Direzione Centrale Servizi Antidroga, sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma.

Ricercato dal 2003
Fausto Pellegrinetti, 75 anni, era ricercato dal 2003 per ricettazione e traffico di stupefacenti. Come aveva raccontato Il Tempo, gli investigatori lo accusavano di aver creato un’organizzazione dedita ai due reati, che dopo la sua frequentazione con la banda della Magliana, imposta nella storia criminale di Roma negli anni '70-'80, si sia messo in proprio cercando di fare le cose in grande. Proprio in questo modo si è attirato anche i grandi occhi delle forze di polizia, compresa la Direzione investigativa antimafia. Pellegrinetti era ricercato assieme a un altro romano, sempre appartenente alla Banda della Magliana: Mario Lo Chiatto, 58 anni, anche lui latitante dal 2003, per i reati di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.