10 dicembre 2018
Aggiornato 03:00

Salvini: «L'Euro ha impoverito l'Italia»

Il leader leghista: «Nei 16 anni di vita è aumentato il debito pubblico, e sono diminuiti occupazione e redditi»
Matteo Salvini, leader della Lega Nord
Matteo Salvini, leader della Lega Nord (ANSA)

MILANO - «Dall'entrata in vigore della moneta unica, negli ultimi 16 anni, il debito pubblico è aumentato di quasi mille miliardi di euro e il reddito degli italiani è diminuito di 2mila euro a testa. Più Poveri, più disoccupati e più debito. E c'è ancora qualcuno, come Cazzola, che vorrebbe più Europa...». Lo ha scritto su Facebook il segretario e candidato premier della Lega Matteo Salvini.

DA BRUNETTA MONITO A GENTILONI - «Bruxelles non può procedere senza di noi facendosi guidare dall'asse franco-tedesco. Con Paolo Romani abbiamo lanciato un monito a Gentiloni: prima di ragionare sul ministro unico delle Finanze o sul Fondo monetario europeo, dobbiamo chiedere una riflessione sull'applicazione dei trattati e degli accordi successivi come il Fiscal Compact. Dobbiamo arrivare a una loro revisione per superare l'austerità e rilanciare la crescita. Altrimenti porremo il veto alle riforme in corso». Lo ha dichiarato il capogruppo di Forza Italia alla Camera Renato Brunetta a «Il Mattino».