Scuola

Salvini sui 52mila nuovi docenti: «Le assunzioni della Fedeli sulla scuola? Tutte balle»

Entro il 14 agosto dovrebbero essere assunti ben cinquantaduemila nuovi insegnanti. L’annuncio del ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli è stato accolto con scetticismo, specie dal leader leghista Matteo Salvini

Matteo Salvini sulla scuola
Matteo Salvini sulla scuola (ANSA | MATTEOBAZZI)

ROMA – Il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli ha annuncia che entro il 14 agosto di quest’anno saranno assunti ben 52mila nuovi docenti. Che, di fatto, dovrebbe assicurare un migliore svolgimento dell’anno scolastico in procinto di iniziare a settembre. Come spiegato dalla stessa Fedeli in una conferenza a viale Trastevere, le assunzioni avverranno con un mese di anticipo rispetto all’anno scorso, che si conclusero il 15 settembre. Nelle intenzioni, i nuovi posti andranno a coprire il turnover fisiologico che ogni anno interessa il mondo scolastico, ovvero i 15.100 posti di organico di fatto trasformati in posti di diritto con la legge di Bilancio per il 2017 e altri 16mila posti attualmente vacanti. Questo contro la media di 24mila assunzione l’anno che, secondo la Fedeli, c’erano prima di ‘La Buona scuola’.

Salvini: tutte Balle
La ‘buona’ notizia sull’assunzione di questo esercito di insegnanti però non ha trovato i favori di Matteo Salvini, che così commenta: «Le assunzioni della Fedeli sulla scuola? Tutte balle. Per la seconda volta in due mesi annuncia cose che non accadranno: i numeri, come già accaduto con Renzi che aveva promesso 150 mila assunzioni, la smentiranno. Altro che buona scuola! E poi chi sarà premiato? Chi se lo merita o chi avrà fortuna? A quando concorsi e graduatorie su base regionale? Su questo, da parte della Fedeli e del Governo, c’è solo un silenzio imbarazzante».