13 novembre 2019
Aggiornato 17:30

Mea culpa di Renzi sugli 80 euro: «Una televendita da Vanna Marchi»

Per l'ex presidente del Consiglio il ricordo «macchiettistico" dell'operazione è «colpa anche mia», ma è stata «la più grande operazione di redistribuzione mai fatta negli ultimi anni»

MILANO - Per l'ex presidente del Consiglio, Matteo Renzi, il ricordo «macchiettistico» dell'operazione degli 80 euro «è colpa anche mia, sono andato in conferenza stampa a Palazzo Chigi e l'ho presentata come una televendita di Vanna Marchi, ma l'ho fatto perché volevo farmi capire». Lo ha detto durante un convegno all'Ispi. Il segretario del Pd ha comunque difeso nuovamente il provvedimento del suo governo perché «è stata la più grande operazione di redistribuzione mai fatta negli ultimi anni». «Ma se l'avessi presentata con tre premi Nobel - ha concluso Renzi -, avrebbe avuto un'eco diversa».