8 maggio 2021
Aggiornato 16:30
Aperte le votazioni per il Non Statuto

M5s, la stretta di Grillo sul movimento: «Chi non rispetta le regole non è gradito»

Grillo lancia il nuovo corso dell'M5s: presenza più frequente a Roma, più coinvolgimento degli attivisti, un rapporto diretto senza la mediazione del direttorio. E regole più chiare per chi entra

ROMA - Una presenza più frequente a Roma, maggiore coinvolgimento dei parlamentari e degli attivisti, anche tramite la piattaforma Rousseau, un rapporto «diretto» senza la mediazione del direttorio, che di fatto è stato svuotato di poteri. E' questo il bilancio della due giorni di incontri di Beppe Grillo e Davide Casaleggio a Roma: prima con i senatori, poi con i deputati. Riunioni guidate direttamente da loro, mandando in soffitta -per non dire azzerato- il direttorio a cinque che finora aveva guidato per delega i parlamentari.

Nuove idee e temi
Grillo e Casaleggio, innanzitutto, hanno avviato una serie di incontri con i deputati divisi in gruppi, principalmente per area tematica. Le riunioni sono andati avanti per tutta la giornata, fino al tardo pomeriggio. I due leader del Movimento, secondo quanto riportano alcuni deputati, hanno chiesto ai parlamentari di proporre idee e temi su cui lavorare per il programma del Movimento, prendendo anche appunti. Un coinvolgimento che non accadeva da tempo. «Agli inizi li faceva Gianroberto Casaleggio, poi sono un po' stati accantonati....», ricorda un parlamentare pentastellato. Poi era arrivata l'era del direttorio, che oggi pare tramontata.

Il compleanno del MoVimento
Quindi, il è stato interrotto per un intermezzo di festa per il «compleanno» del Movimento, che compie 7 anni. Dopo il taglio della torta i deputati hanno intonato «tanti auguri a te» e la canzone «Un amore cosi grande», inno del Movimento. Il compleanno è stato festeggiato anche sul blog, con Grillo che in un post ha assicurato che «oggi siamo qui più forti e uniti che mai. Determinati ad andare avanti per proporre la nostra idea di Paese». Anche Davide Casaleggio, sul blog, ha celebrato l'anniversario della nascita del M5s, con un «regalo»: un video inedito di suo padre Gianroberto intitolato «Singularity, il punto di non ritorno». «Arriverà un momento - mette in guardia Davide Casaleggio presentando il video - in cui non comprenderemo le scelte delle intelligenze artificiali che avremo creato. Questo momento ha il nome di Singularity».

Il Non Statuto
Beppe Grillo sul suo blog ha anche invitato i sostenitori del Movimento a votare il Non Statuto: «Dal 27 settembre è attiva su Rousseau la votazione per l'aggiornamento del Non Statuto e del Regolamento del M5S. Io ho votato subito anche se le votazioni durano per un mese fino al 26 ottobre. Quindi anche voi dovete votare subito perchè questa votazione è importantissima. È vitale per il MoVimento 5 Stelle. Vota subito!». Grillo ha anche avvertito che «la votazione è complicata. Lo è per la burocrazia e affinchè quello che emerge dalle votazioni vada bene a tutti, nessuno possa fare appello e io non riceva migliaia di denunce».

Fuori chi non rispetta le regole
L'aggiornamento del Non Statuto, ha spiegato Grillo, è relativo all'integrazione messa nero su bianco con il regolamento del M5S, "di modo che nessuno possa dire che non è così». Il regolamento, dunque, «protegge me, protegge il MoVimento 5 Stelle da questa gente che va fuori delle regole, e abbiamo delle possibilità: mandarli via, non mandarli via, e se mandarli via oppure richiamarli in tutti e due i casi». E ha chiosato: «chi non accetta le regole deve andare in un altro posto, non è gradito». Grillo non usa mezzi termini: a suo avviso il Non Statuto è importante per «salvaguardare il movimento da questi cazzoni che entrano e vogliono fare i cazzi loro. Non glielo permetteremo più» promette.