20 giugno 2019
Aggiornato 19:00
massima allerta

Pasqua, controlli straordinari dei Carabinieri a Roma e dintorni

Per garantire una Pasqua sicura a cittadini, turisti e pellegrini i Carabinieri del comando provinciale di Roma hanno disposto un piano di controllo straordinario su tutto il territorio

Carabinieri in servizio.
Carabinieri in servizio. ( Shutterstock )

ROMA - I carabinieri del comando provinciale di Roma hanno avviato un piano di controllo straordinario di tutto il territorio di Roma e provincia mirato per «garantire nell'anno del Giubileo una Pasqua sicura ai cittadini e ai tantissimi turisti e pellegrini che giungeranno nella capitale».

Il piano di sicurezza dei Carabinieri
Il piano, che vede impegnati circa 2000 militari dei gruppi di Roma, Frascati e Ostia, coadiuvati dalle autoradio e dai motociclisti del nucleo radiomobile per il pattugliamento del territorio e con la cooperazione dei reparti specializzati dell'Arma, prevede l'esecuzione di una fitta serie di controlli su tutte le aree provinciali. Vicino alle basiliche e nelle principali piazze, saranno attive le stazioni mobili dei carabinieri, dove i cittadini potranno rivolgersi per qualsiasi esigenza. Saranno intensificati i controlli nei dintorni delle abitazioni e stabili incustoditi per prevenire i furti all'interno delle case, lasciate dai romani partiti per le vacanze.

Controlli dentro e fuori la città
Sulle principali arterie e vie consolari, e nella zona dei Castelli Romani e del litorale, con particolare attenzione alla via Aurelia, sono stati attuati dispositivi di controllo della velocità. I controlli dei carabinieri saranno anche rivolti all'accertamento dello stato di ebrezza, mediante l'utilizzo degli etilometri. Sono stati anche intensificati i tradizionali servizi per il contrasto alla microcriminalità ,con unità antiborseggio nelle vie della moda, nel centro storico della Capitale, nei luoghi maggiormente frequentati da turisti, negli ospedali e nei centri commerciali. Saranno attivati ulteriori controlli anche per la verifica del rispetto delle norme in materia di somministrazione dei prodotti alimentari e delle bevande. Il vasto dispositivo di controllo messo a punto farà capo alla centrale operativa provinciale, centro di coordinamento e controllo dei carabinieri in servizio nella provincia, dove confluiscono tutte le richieste di intervento smistate dal nuovo sistema integrato del numero unico di emergenza 112.