25 settembre 2020
Aggiornato 19:00
Il candidato a sindaco sul patrimonio immobiliare

Affittopoli, Fassina: No alla svendita del patrimonio, sì all'uso sociale

Per Stefano Fassina bisogna puntare alle politiche sociali, alle strade, agli asili e alla pulizia della città, alle periferie perché il patrimonio di Roma è un bene comune

ROMA - «La ricognizione svolta dal commissario straordinario di Roma Francesco Paolo Tronca fornisce informazioni utili per la città e soprattutto per chi sarà chiamato a governare la Capitale. Gli introiti dovuti da chi aveva l'obbligo e le possibilità di pagare - e non lo ha fatto - sono soldi in meno per le politiche sociali, le strade, gli asili, la pulizia della città, le periferie. Il patrimonio di Roma è un bene comune». Queste le parole di Stefano Fassina, candidato sindaco della sinistra per Sinistra italiana.  

L'importanza dei fini sociali
«Non va svenduto, ma utilizzato innanzitutto a fini sociali con criteri di assegnazione e canoni adeguati a attività che non sono di mercato ma "producono" solidarietà, cultura, integrazione e tutela dell'ambiente, in una città sempre più povera di welfare municipale, mutualità diffusa e spazi pubblici. Il patrimonio di tipo residenziale va dedicato ad affrontare il problema abitativo, mentre il patrimonio commerciale deve andare a sostenere negozi e botteghe che fanno l'identità culturale e imprenditoriale della nostra città, come proposto qualche giorno fa da Lorenzo Tagliavanti, Presidente della Camera di Commercio. Insomma, il patrimonio capitolino deve rimanere al Comune e l'amministrazione deve valorizzarlo in termini sociali, in una visione solidale della città», ha concluso Stefano Fassina.