19 giugno 2021
Aggiornato 01:30
Investimento Regione oltre 930 mila euro

Centocelle, Zingaretti visita il poliambulatorio Asl Rm2

La struttura, conosciuta coma «ex scuola Tommaso Grossi», è tornata a nuova vita dopo i lavori, che hanno avuto un costo complessivo di 930,580 euro, finanziati dalla Regione Lazio ed è operativo da oggi

ROMA - «Oggi apre una nuova struttura nella periferia di Roma e questa è la buona sanità che stiamo costruendo. Un segnale di attenzione nei luoghi dove c'è più bisogno ma anche un'altra prova che le cose stanno cambiando. Questa è una nuova frontiera, l'assistenza domiciliare, che va sviluppata». Così il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, a margine della visita al poliambulatorio della ASL Rm2 a Roma al quartiere Centocelle.

Attenzione sulle periferie
«Sono contento che la nostra attenzione si cominci a concentrare anche nelle periferie, quei luoghi della città a maggiore densità di popolazione, dove più è avvertita l'esigenza del diritto alla salute. Importantissimo che tutto questo avvenga con i conti in ordine. Abbandoniamo una struttura vecchia e obsoleta e piccola che costava circa 200 mila euro per approdare in una struttura pubblica che ne costa circa 70 mila. Spendiamo di meno e aumentiamo i servizi», continua il presidente.

La nuova vita della struttura
Sopralluogo del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, al nuovo Poliambulatorio di via degli Eucalipti 14, a Centocelle a Roma. La struttura, conosciuta coma «ex scuola Tommaso Grossi», è tornata a nuova vita dopo i lavori, che hanno avuto un costo complessivo di 930,580 euro, finanziati dalla Regione Lazio ed è operativo da oggi. Qui infattisono state trasferite tutte le attività che venivano svolte nella struttura di piazza dei Mirti, alle quali si aggiungono il servizio CAD (Centro Assistenza Domiciliare) e la Centrale Operativa Assistenza Domiciliare il cui centralino raccoglie tutte le chiamate della ex Asl Roma B per quanto concerne le richieste relative all'assistenza domiciliare. Tra le attività che saranno a disposizione dei cittadini dunque l'ambulatorio Infermieristico, il centro prelievi, l'attività specialistiche ambulatoriali, la TSRME (Tutela Salute Riabilitazione Età Evolutiva e Adulti, la disabilità dell'età adulta, la medicina preventiva dell'età evolutiva, il CAD (Centro Assistenza Domiciliare), la Centrale Operativa Assistenza Domiciliare CUP con 6 postazioni, la direzione del Distretto, il CSM (Centro di Salute Mentale).

(con fonte Askanews)