16 ottobre 2019
Aggiornato 01:30
un nuovo ristorante solleva dubbi e perplessità

Ponte Milvio, arriva il "mostro architettonico" e i residenti danno battaglia

In via Flaminia 451 c'è una nuova costruzione: una torretta alta tre piani, ancora avvolta in teli neri perché i lavori sono in corso. Ma ha già fatto arrabbiare alcuni degli abitanti del quartiere

ROMA - A Ponte Milvio c'è un nuovo ospite. Ed è impossibile non notarlo, perché si tratta di una torretta alta tre piani e ben visibile dalla strada. E' un ristorante di prossima apertura, ma ai residenti non piace. Ecco perché.

Il nuovo arrivo a Ponte Milvio
In via Flaminia 451 c'è una nuova costruzione: una torretta alta tre piani, ancora avvolta in teli neri perché i lavori sono in corso, che però ha già fatto arrabbiare alcuni dei residenti di Ponte Milvio. Si tratta, infatti, di una struttura di ingenti dimensioni e dal grande impatto visivo, in un quartiere già sovrappopolato di locali e palazzi.

Le rimostranze dei residenti
Fino a poco tempo fa, al posto dell'attuale torretta avvolta nel mistero, c'era un altro noto locale: il Gone. Adesso sarà la volta di un ristorante specializzato in carni, appartenente ad una celebre catena di ristorazione. Gli operai sono al lavoro per completare l'opera, ma i residenti chiedono l'intervento della Commissione Trasparenza, per sapere se gli iter amministrativi siano stati rispettati e se una costruzione dal così grande impatto visivo sull'ambiente e sul territorio sia davvero lecita.