26 gennaio 2020
Aggiornato 18:00
Celebrazioni a Roma e a Parigi

Roma-Parigi, monumenti illuminati per i 60 anni del gemellaggio

Era il 30 gennaio 1956 quando a Roma, l'allora sindaco di Roma Salvatore Rebecchini e il Presidente del Consiglio comunale di Parigi Jacques Féron, suggellarono il gemellaggio con il motto «Solo Parigi è degna di Roma e solo Roma è degna di Parigi»

ROMA - «Solo Parigi è degna di Roma; solo Roma è degna di Parigi»: il Commissario Straordinario di Roma, Francesco Paolo Tronca e il sindaco di Parigi Anne Hidalgo hanno rinnovano con due cerimonie il gemellaggio tra Roma e Parigi. Due veri e propri eventi, venerdì 29 gennaio a Parigi e sabato 30 a Roma per celebrare il legame nato sessanta anni fa.

30 gennaio 1956
Era, infatti, il 30 gennaio 1956 quando a Roma, l'allora sindaco di Roma Salvatore Rebecchini e il Presidente del Consiglio comunale di Parigi Jacques Féron, suggellarono il gemellaggio con il motto «Solo Parigi è degna di Roma e solo Roma è degna di Parigi». Per l'occasione alle Terme di Diocleziano, di fronte al Planetario, fu innalzata una colonna di epoca romana sulla quale venne fissata una nave a vele spiegate, emblema di Parigi (denominata dagli antichi romani Lutezia Parisiorum) mentre una riproduzione della Statua della Lupa capitolina fu donata a Parigi e posta in Square Paul Painlevé. Il giuramento di fratellanza rappresenta un patto esclusivo, l'unico gemellaggio in essere per entrambe le città.

Il tricolore a Parigi
Venerdì 29 a Parigi, alla presenza del sindaco Anne Hidalgo e di un rappresentante di Roma Capitale, la sede del Comune è stata illuminata con il tricolore italiano e sono stati proiettati due film di Ettore Scola e di Federico Fellini con sottotitoli in francese. Luci speciali anche su Montparnasse e la Grand Roue di Place de la Concorde.

Le cerimonie a Roma
A Roma, invece, sabato 30 gennaio, il programma delle cerimonie è iniziato alle 16.30 con la deposizione di una corona d'alloro ai piedi della colonna innalzata nel 1956, a ricordo del gemellaggio tra le due municipalità, da parte del Commissario Straordinario di Roma Francesco Paolo Tronca alla presenza dell'Ambasciatore di Francia a Roma e del rappresentante del sindaco di Parigi. Ma illuminazioni artistiche con i colori delle due rispettive bandiere fino alle 24 faranno risplendere tutti i palazzi del Campidoglio: Palazzo Senatorio, Palazzo dei Conservatori e Palazzo Nuovo. E i tricolori francese e italiano hanno illuminato anche Ponte Sant'Angelo mentre luci in progressione con i nuovi impianti a Led si sono accesi su tutti gli altri 15 ponti sul Tevere.

Il progetto
Il progetto di illuminazione promosso dall'Acea che si inaugura proprio stasera rientra nell'ambito degli interventi per il Giubileo su richiesta dell'Amministrazione comunale: mille nuovi punti luce a Ld aumenteranno la visibilità notturna per garantire sicurezza e valorizzazione delle strutture. Il nuovo impianto - ha spiegato il Campidoglio - assicurerà anche una riduzione dei consumi passando dagli 82 kw del precedente agli attuali 37 kw. E ancora, dalla Terrazza del Pincio fasci di luce sul cielo di Roma e la Fontana di Piazza del Popolo con i colori delle due bandiere nazionali. In occasione della giornata di celebrazioni i Musei Capitolini e il Museo Napoleonico saranno aperti gratuitamente al pubblico dalle 17 alle 22.

(con fonte Askanews)