18 novembre 2019
Aggiornato 01:30
Parla il vicepresidente dei Copasir

Esposito: Minaccia terrorismo in tutta Italia, sicurezza non solo a Roma

Giuseppe Esposito avverte che è importante mettere in sicurezza tutte le grandi città italiane, non soltanto Roma

ROMA - Di fronte alla minaccia terroristica di matrice jihadista, specie nell'anno del Giubileo, l'impegno per la sicurezza è a Roma ma non solo: «E' in tutta Italia», lo ha assicurato il vicepresidente del Copasir, Giuseppe Esposito.

Non si pensi solo a Roma
Intervistato a Skytg24, Esposito ha sottolineato: «C'è differenza tra 'fare la pace' e 'stare in pace'. Il nostro obiettivo, in occasione del Giubileo, deve essere di fare la pace con tutto un mondo, come quello dell'Islam, che crediamo spesso erroneamente avverso ai nostri valori. Invece - ha proseguito - egoisticamente, anche in questi momenti tendiamo biecamente a voler stare in pace per puro calcolo politico e purtroppo anche elettorale, interessandoci solo di ciò che avviene nelle nostre case, nelle nostre città e nel nostro Paese senza pensare ai drammi che si consumano nel resto del mondo dove, in mezzo ai gruppi isolati del terrore, c'è tanta gente che subisce le violenze dei predicatori di odio».

Esperienza Expo utile anche per il Giubileo
«Non bisogna mollare però di un centimetro sulle minacce che corriamo in questo periodo e per questo i nostri servizi di sicurezza stanno lavorando egregiamente insieme alle forze dell'ordine: 2000 telecamere sotto il controllo di un'unica regia monitorano costantemente la situazione», ha spiegato il vicepresidente del Copasir, ricordando che «L'esperienza e i successi dell'Expo a Milano sono serviti per fare esperienza sul campo anche per il Giubileo e non solo a Roma, ma in tutta Italia, grazie all'impegno del ministro Alfano, vi è un dispiegamento di forze e mezzi senza precedenti per prevenire qualsiasi pericolo».

«Non bisogna farsi cogliere dalla paura»
«Non diamo al terrore più importanza di quanta ne abbia, non bisogna farsi cogliere dalla paura e come bene ha detto il presidente Renzi da questa situazione se ne verrà fuori anche con un rilancio culturale», ha aggiunto Esposito, concludendo: «L'Italia in questo giorno è un reale punto di riferimento per il mondo in ogni settore per la reazione contro ogni terrore».

(con fonte Askanews)