23 febbraio 2020
Aggiornato 22:00
Il processo alla coppia dell'acido

«Alex diceva che un uomo può tradire, una donna no»

E' il giorno della testimonianza di Emanuela Manzo, amica del cuore di Martina Levato, nel processo a carico di Alexander Boettcher, imputato per due aggressioni con l'acido compiute a novembre scorso a Milano.

MILANO - «Alex diceva che un uomo può tradire, una donna no». E' il giorno della testimonianza di Emanuela Manzo, amica del cuore di Martina Levato, nel processo a carico di Alexander Boettcher, imputato per due aggressioni con l'acido compiute a novembre scorso a Milano.

Emanuela e Martina avevano trascorso insieme le vacanze estive del 2013. Prima a Gallipoli, in Salento, poi in Calabria. Infine, nell'ottobre successivo, un altro viaggio a Ibiza. Tre vacanze in cui Martina aveva avuto delle piccole avventure con altrettanti ragazzi. A Gallipoli con Antonio Margarito, suo compagno di università che nel maggio 2014 avrebbe subito un tentativo di evirazione da parte della studentessa. «Martina era compiaciuta - ha detto in aula la testimone - perché quella con Antonio era stata una notte d'amore molto focosa». Anche in Calabria l'ex studentessa "si era scambiata qualche bacio con un ragazzo che aveva conosciuto durante quella vacanza». Infine a Ibiza c'è stata «un'altra storia con un ragazzo di cui non ricordo il nome».