14 giugno 2024
Aggiornato 20:30
Cantiere centrodestra

Berlusconi: «No alle primarie, troppo manipolabili»

Così interviene il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, in merito ad alcune indiscrezioni di stampa che gli attribuiscono l'intenzione di ricorrere alle primarie per la selezione dei candidati di centrodestra alle prossime elezioni amministrative.

ROMA - «In troppe occasioni le primarie si sono rivelate uno strumento di consultazione popolare estremamente manipolabile e non in grado di esprimere il miglior candidato tra quelli in gara». Così interviene il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, in merito ad alcune indiscrezioni di stampa che gli attribuiscono l'intenzione di ricorrere alle primarie per la selezione dei candidati di centrodestra alle prossime elezioni amministrative.
«Ritengo quindi che - continua Berlusconi - per l'individuazione dei candidati per le prossime elezioni amministrative il centrodestra debba scegliere, come è sempre accaduto, attraverso gli accordi tra le forze politiche che lo compongono».

Fitto: Gravissimo errore il no di Berlusconi
La «stroncatura» di Silvio Berlusconi sulle primarie nel centrodestra rappresenta «un altro gravissimo errore». E' quanto dichiara in una nota Raffaele Fitto, leader dei Conservatori e Riformisti.
«Purtroppo, a volte, essere buoni profeti è facile: è sufficiente prevedere la soluzione peggiore, e difficilmente si viene smentiti. Da mesi e per mesi, ho e abbiamo proposto a Forza Italia le primarie, o comunque meccanismi aperti e di consultazione, con una serie di obiettivi: aprire le porte ai cittadini, privilegiare meccanismi democratici e aperti, creare una mobilitazione indispensabile a una coalizione di opposizione che voglia tornare alla guida del Paese. Anche per questo sono e siamo stati ostracizzati», afferma Fitto.
«Ieri alcuni esponenti di Forza Italia, anche in dialogo con me, avevano effettuato una timida apertura, comunque positiva. E oggi, puntuale, dopo neppure mezza giornata è arrivata la stroncatura da parte di Berlusconi, che commette un altro gravissimo errore - sottolinea Fitto -. Sbagliare è umano, perseverare...».

Cicchitto: In Forza Italia è contrordine, compagni!
«Per quello che riguarda la questione delle primarie ieri proposte da Toti, oggi negate da Berlusconi e dallo stesso Toti, possiamo dire che viene recuperata nell'ambito di Forza Italia una vecchia parola d'ordine del Pci: 'Contrordine, compagni!'». Lo dichiara in una nota Fabrizio Cicchitto, deputato NCD.

La replica di Giro: Berlusconi sempre contrario primarie
«All'amico Cicchitto voglio ricordare che sul nodo delle primarie il leader e fondatore di Forza Italia ribadisce una posizione realistica in assenza di norme statali e nazionali condivise su una procedura oggi suscettibile di brogli clamorosi. Una posizione che Giovanni Toti ha sempre condiviso e infatti sulle primarie la sua riflessione anche di questi giorni oltre ad essere personale come tutte le riflessioni politiche è stata sempre prudentissima e piena di se è di ma, tanto da essere bersaglio delle ironie e battute da parte dei suoi e nostri avversari». E' quanto afferma Francesco Giro, senatore di Forza Italia.