15 dicembre 2019
Aggiornato 08:00
Il candidato alla Regione sull'emergenza sbarchi

Toti: basta clandestini in Liguria alla vigilia della stagione turistica

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Liguria, Giovanni Toti, ha commentato l'arrivo nel porto di La Spezia di una nave con oltre 400 migranti, di cui quasi 250 saranno ospitati in strutture liguri, e ha affermato che «La Regione Liguria dovrebbe dire in modo chiaro che non è disponibile ad accogliere ulteriori profughi perché le città liguri sono piene di clandestini».

GENOVA (askanews) - «La Regione Liguria dovrebbe dire in modo chiaro che non è disponibile ad accogliere ulteriori profughi perché le città liguri sono piene di clandestini, perché non c'è spazio e perché siamo alla vigilia di una stagione turistica di cui i liguri mangiano, campano, per cui c'è bisogno di accogliere turisti paganti e non clandestini immigrati».

«Non siamo persone insensibili»
Così il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Liguria, Giovanni Toti, ha commentato l'arrivo nel porto di La Spezia di una nave con oltre 400 migranti, di cui quasi 250 saranno ospitati in strutture liguri. «Non siamo persone insensibili - ha aggiunto il consigliere politico di Berlusconi - non è vero che non vogliamo dare aiuto a chi è in difficoltà e scappa dalla guerra ma vogliamo dire in modo chiaro».

Il governo ci ascolti
«Vorremmo che il governo per una volta ci ascoltasse, che i problemi si risolvono là dove ci sono e non a casa dei liguri, dei piemontesi, dei lombardi o dei campani. Si risolvono - ha affermato - facendo campi di accoglienza civili dove queste persone fuggono dalla guerra". Secondo Toti, "bisogna bloccare le partenze. Abbiamo unità della Marina Militare, lo abbiamo fatto in Albania in tempi più difficili e - ha concluso il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Liguria - possiamo farlo in Libia a partire da domani mattina».