20 settembre 2019
Aggiornato 22:00
La polemica

«Su Berlusconi retromarcia ad personam?»

Il responsabile Formazione di Forza Italia, Cattaneo: «Discriminazioni contro Berlusconi inaccettabili». Rotondi: «Renzi sconcerta»

ROMA - Forza Italia denuncia una possibile «retromarcia ad personam» contro Silvio Berlusconi per lo stop del premier Matteo Renzi al decreto di Natale sulla depenalizzazione delle evasioni fiscali sotto il 3% del patrimonio, sottolineando che fra l'altro non è certo l'ex premier se ne sarebbe potuto avvantaggiare. «Più che di fronte ad una legge ad personam in questo caso mi sembra che il Governo Renzi ci abbia messo tutti di fronte ad una vera e propria retromarcia ad personam», ha affermato in una dichiarazione Alessandro Cattaneo, membro del comitato di presidenza di Forza Italia e responsabile Formazione del partito di Berlusconi.

«In queste ore - ha sottolineato - tutti si concentrano sul chiedersi se l'articolo 19-bis contenuto nel decreto del 24 dicembre, che riguarda i rapporti tra fisco e contribuenti, sia una legge utile per Silvio Berlusconi, una legge ad-personam come affermano alcuni giornali. Nessuno invece si chiede se la norma in questione sia una norma giusta oppure no. L'articolo 19-bis non può che essere una legge ragionevole per me. Afferma semplicemente che bisogna escludere la punibilità di un cittadino quando l'importo delle imposte sui redditi evase è inferiore al tre per cento del reddito imponibile dichiarato. Trovo assolutamente logico e giusto che se si scopre che un italiano ha evaso un importo irrisorio percentualmente rispetto al reddito dichiarato si pensi subito ad un errore formale che non può essere perseguito penalmente».
«Il governo ora ha deciso di fare marcia indietro - ha denunciato Cattaneo - solo perché forse questo articolo interessa Silvio Berlusconi. In realtà, infatti, nemmeno è certo un suo eventuale beneficio, come indicato da diversi giuristi».

Rotondi: Renzi sconcerta - «Forza Italia non ha mai chiesto norme salva Berlusconi perché la riabilitazione del leader del centrodestra avverrà, come è giusto, attraverso un percorso giudiziario già cadenzato da tempo. Mi sconcerta, tuttavia, che il premier Renzi blocchi una norma pensata dal suo governo dopo aver scoperto che potrebbe forse favorire Berlusconi». Lo ha affermato in una dichiarazione l'ex ministro di Forza Italia Gianfranco Rotondi.