20 novembre 2019
Aggiornato 03:30
Corruzione

Gelmini: Galan si è dichiarato estraneo ai fatti, sono sicura che lo dimostrerà

L'ex ministro dell'istruzione: "Ma la nostra ottica garantista non ci impedirà, se le accuse fossero confermate, di chiedere una condanna ferma dei casi di corruzione"

ROMA - "Galan si è dichiarato estraneo ai fatti, sono sicura che lo dimostrerà. Ma la nostra ottica garantista non ci impedirà, se le accuse fossero confermate, di chiedere una condanna ferma dei casi di corruzione". Così Maria Stella Gelmini, vice capogruppo di Forza Italia alla Camera - ospite di 'Porta a Porta' - a proposito dell'inchiesta sulle tangenti legate al Mose di Venezia che coinvolge anche il parlamentare azzurro Giancarlo Galan.

FI VUOLE RIFORME - "Da parte nostra c'è la volontà di andare avanti con le riforme, senza che però Renzi pensi di imporre una linea che è minoranza non solo tra le forze politiche ma anche nel Paese", ha detto poi Gelmini, commentando a 'Porta a Porta' un sondaggio che rilevava come il 61% degli interpellati sia favorevole all'elezione dei senatori.