26 maggio 2020
Aggiornato 06:30
Video-messaggio di Berlusconi

Il CSM: «Amarezza e sconcerto per attacchi infondati che colpiscono in modo indiscriminato i giudici italiani»

Il Consiglio superiore della magistratura ha risposto al Cavaliere: «Una sentenza va accettata ed applicata. Diversamente verrebbero meno le regole dello Stato di diritto e il presupposto della ordinata convivenza civile»

ROMA - Il giorno seguente alla diffusione del video-messaggio di Silvio Berlusconi, dove l'ex premier ha attaccato più volte i giudici, la presidenza del Consiglio superiore della magistratura (Csm), ha espresso «amarezza e sconcerto per l'ennesima ripetizione di giudizi sprezzanti e di attacchi infondati che colpiscono in modo indiscriminato la magistratura italiana».

SENTENZE SERVONO PER VIVERE CIVILE - Il Csm ha spiegato che: «L'esito di qualsiasi processo, esperiti tutti i gradi di giudizio, è una sentenza che va accettata ed applicata. Diversamente verrebbero meno le regole dello Stato di diritto e il presupposto della ordinata convivenza civile».

GIUDICI PROFESSIONALI E IMPARZIALI - Quanto ai giudici, hanno continuato dal Csm: «Svolgono quotidianamente il proprio lavoro con impegno, professionalità ed imparzialità, non meritano l'addebito di intenti persecutori o di complotti. Peraltro è la legge che regola con criteri predeterminati la composizione dei collegi giudicanti e l'assegnazione dei processi».
La nota è firmata dal vicepresidente Michele Vietti e dai presidenti Giorgio Santacroce e Gianfranco Ciani.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal