27 luglio 2021
Aggiornato 08:30
Primarie Centrosinistra 2012

Bersani: Indebolito da ballottaggio? Non mi preoccupa

Il Segretario del PD: «Secondo turno probabile, siamo cinque candidati. Non faccio appello al voto utile»

BOLOGNA - Andare al secondo turno per le primarie del centrosinistra non è stata affatto una decisione sbagliata e non indebolirà l'attuale segretario, che è il più favorito secondo i sondaggi per le primarie il cui primo turno si terrà domani, domenica. Lo ha precisato lo stesso Pierluigi Bersani a margine della manifestazione che conclude il suo tour in Emilia Romagna.

«E' l'ultima preoccupazione che ho», ha detto Bersani rispondendo a chi gli chiedeva un parere su un possibile indebolimento al ballottaggio. «Credo che sia abbastanza probabile che ci sia il secondo turno visto che siamo in cinque candidati - ha aggiunto -. Non faccio appello al voto utile» perché «abbiamo voluto il secondo turno, abbiamo pensato che ci sono parecchi candidati ed è facile strutturalmente che si arrivi al ballottaggio e chi vince deve avere più del cinquanta per cento dei progressisti».

Le primarie nel centrosinistra sono state una giusta intuizione che farà bene al partito e ai progressisti, per questo «come segretario del Pd, ci ho creduto, funzionano, sono contentissimo e a questo punto ho già vinto». «La campagna è andata benissimo e anche di più, abbiamo girato l'Italia, c'è stata una partecipazione incredibile». Le primarie «danno il segno che in Italia ci sono anche delle energie vere e buone che possono servire al paese».

Come incoraggiamento agli altri quattro candidati, il segretario si è limitato a un «forza ragazzi», mentre per quanto riguarda i sondaggi si è astenuto dal commento: «Sono già complicati con le elezioni, figuriamoci con le primarie. Sento un'aria buona, aspetto che la gente scelga il migliore».