5 giugno 2020
Aggiornato 02:00
Nel libro di Bruno Vespa

Berlusconi chiede scusa agli italiani

L'ex Premier: «La crisi ha cancellato i nostri sforzi, anche se noi abbiamo lasciato la disoccupazione al punto più basso degli ultimi vent'anni. Abbiamo garantito la pace sociale negli anni più duri della crisi. Abbiamo impiegato 38 miliardi in ammortizzatori sociali». Vendola: «Berlusconi chiede scusa con 20 anni ritardo»

ROMA - Silvio Berlusconi chiede scusa agli italiani e lo fa nel libro di Bruno Vespa 'Il Palazzo e la Piazza. Crisi, consenso e protesta da Mussolini a Beppe Grillo' «Pensavo di chiedere scusa agli italiani perché non ce l'ho fatta. La crisi ha cancellato i nostri sforzi, anche se noi abbiamo lasciato la disoccupazione al punto più basso degli ultimi vent'anni. Abbiamo garantito la pace sociale negli anni più duri della crisi. Abbiamo impiegato 38 miliardi in ammortizzatori sociali. Abbiamo tagliato le spese ai ministeri con la prima vera spending review e attuato il più grande stanziamento sulla cassa integrazione della storia italiana».

Centemero (Pdl): Berlusconi indica nuova strada per moderati - «E' un peccato che la sinistra non sia ancora riuscita a liberarsi dall'ossessione dell'antiberlusconismo. Le scuse che il presidente Berlusconi ha rivolto agli italiani per non essere riuscito a contrastare come avrebbe voluto una crisi che pure trascende i confini nazionali e che nessun governo, né in Italia né altrove, è finora riuscito ad arginare completamente, avrebbero meritato ben altro atteggiamento. Ma tant'è, questi sono i 'moderati' con i quali l'Udc sembra voler avviare un percorso di alleanza». Lo ha dichiarato in una nota Elena Centemero del Pdl.
«Credo invece - ha aggiunto - che le parole del presidente Berlusconi indichino una nuova strada per i veri moderati italiani e che rappresentino un'occasione che Casini, Montezemolo e coloro che si riconoscono nei valori del Ppe non dovrebbero perdere. L'obiettivo è quello di realizzare insieme un progetto politico di unione delle forze moderate che abbia in una nuova Costituente lo strumento per riformare la nostra Carta e che ridia slancio e speranza al Paese».

Vendola: Berlusconi chiede scusa con 20 anni ritardo - «Berlusconi chiede scusa. Con quasi venti anni di ritardo». E' quanto ha scritto su Twitter il leader di Sel, Nichi Vendola.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal