14 luglio 2020
Aggiornato 02:30
Centrodestra | Il futuro del PDL

Pdl, Gasparri: Congressi dimostrano radicamento e rinnovamento

Soddisfatto il Presidente del gruppo Pdl al Senato: Ancora un fine settimana di grande partecipazione. Il Segretario Alfano: Per il Governo Monti abbiamo pagato un dazio molto salato

ROMA - «Anche in questo fine settimana grande successo e grande partecipazione ai congressi del Pdl che si sono svolti in tutta Italia. Gli esiti dimostrano che il radicamento e il rinnovamento del Popolo della Libertà prosegue. Bisogna dare certezza a questo partito, al di là delle discussioni estemporanee che talvolta si animano».Lo ha dichiarato il presidente del gruppo Pdl al Senato Maurizio Gasparri.
«Abbiamo molto cose da fare e da dire nel dibattito politico, che va affrontato con la serietà a cui oggi fa riferimento in un interessante articolo il coordinatore Sandro Bondi. Anche il tipo di risultati e le persone che sono state elette confermano il positivo apporto di tante anime che hanno costituito il Pdl. Sono davvero contento per gli esiti che si sono registrati ed a partire dal Convegno di Orvieto dovremo, insieme ad Angelino Alfano, scandire con sempre più forza e precisione il ruolo e l'identità di un grande partito politico di centrodestra, che sa scegliere la via dell'innovazione in politica ma anche quella della tradizionale partecipazione dei cittadini alla scelta delle classi dirigenti. La stagione dei congressi - ha concluso- è un momento fondante e fondamentale per il Popolo della Libertà ed è un merito del segretario politico aver voluto percorrere questa strada con grande successo e con il grande consenso delle centinaia di migliaia di persone che stanno partecipando a questi eventi».

Alfano: Per il Governo Monti abbiamo pagato un dazio molto salato - Il Popolo della libertà ha pagato «un dazio molto salato» per permettere la nascita dell'esecutivo Monti, «rompendo» l'alleanza con la Lega pur non avendo ancora stretto accordi con l'Udc di Pier Ferdinando Casini. A sostenerlo è il leader del Pdl, Angelino Alfano, interpellato a Castellammare di Stabia a margine della presentazione del suo libro sulla mafia.
«Stiamo affrontando un momento particolare della storia della Repubblica e il Pdl lo sta affrontando con grande serietà - ha sostenuto Alfano - perchè il Pdl affronta le prossime amministrative avendo, in qualche modo, messo in sofferenza il rapporto con il nostro principale alleato, la Lega, non avendo ancora guadagnato quello con l'Udc. Noi, dunque, abbiamo pagato un dazio molto salato alla nascita di questo governo mentre - ha proseguito - a sinistra la coalizione, in qualche modo, è rimasta unita».
Alfano ha poi ribadito di aver «pagato un conto perché abbiamo messo prima di tutto l'interesse dell'Italia e degli italiani e - ha concluso - contiamo di ricevere dagli italiani un riconoscimento per questo nostro sforzo».