19 gennaio 2020
Aggiornato 08:30
La crisi del debito sovrano in Europa

La UE di Monti: Eurobond e Tobin tax per stabilità e crescita

Il Premier: «Londra resti per bilanciare Parigi-Berlino». Bagarre della Lega al Senato che ha costretto il presidente Schifani a sospendere la seduta. E a cui Monti ha risposto rilanciando il cambio di rotta dell'Italia, oggi favorevole alla tassazione sulle operazioni della grande finanza

ROMA - Consolidamento fiscale, con adeguati meccanismi sanzionatori, eurobond e Tobin tax sulle transazioni finanziarie. Tutti strumenti necessari per poter affrontare il vero problema dell'Europa, ovvero la crescita, in un quadro che veda tramontare il 'direttorio' franco-tedesco magari con l'aiuto della Gran Bretagna che però finora non ha raccolto la sponda italiana.

Mario Monti informa il Senato sull'esito dell'ultimo Consiglio Europeo, e disegna la «sua» Europa. Verso la quale la riunione di Bruxelles dell'8 e 9 dicembre ha compiuto, pur nel quadro di risultati «non all'altezza delle aspettative», comunque «passi significativi». Un intervento interrotto più volte dalla Lega, addirittura con insulti e cartelli che invocavano «basta tasse» e bollavano come «rapina» la manovra economica. Una bagarre che ha costretto il presidente del Senato a sospendere la seduta. E a cui Monti ha risposto rilanciando il cambio di rotta dell'Italia, oggi favorevole alla tassazione sulle operazioni della grande finanza, «uno dei modi per arrivare a 'meno tasse' su chi produce e sulle famiglie». Il precedente governo «ha tenuto una posizione contraria all'ipotesi, ora l'Italia è pronta a riconsiderare questa posizione e a unirsi a quelli che vorrebbero, sul piano almeno europeo, un'adeguata tassazione sulle transazioni finanziarie».

Il punto da cui partire resta però il consolidamento dei conti pubblici. E su questo, ribadisce il presidente del Consiglio, l'Italia ha fatto la sua parte con misure «accolte positivamente dagli organismi internazionali» recuperando «credibilità» e «la possibilità di assumere posizioni autonome». Il risultato del Consiglio Europeo dell'8 e 9 dicembre «non è stato per ora all'altezza delle nostre aspettative ma è stato abbastanza significativo», in particolare sul tema degli eurobond che verrà inserito nel rapporto che van Rompuy, Barroso e Juncker presenteranno entro il 31 marzo, e sul rafforzamento dell'operatività del fondo salva-Stati. Sugli eurobond, anche se la parola non compare nel documento finale, vi sono tuttavia «due finestre aperte che sarà nostra cura coltivare già nel breve periodo». Quanto al fondo salva-Stati, si va «verso il rafforzamento» della sua operatività, «sia con il potenziamento delle sue risorse sia affidando alla Bce il compito di operare come agente del fondo nella collocazione dei suoi titoli».