13 novembre 2019
Aggiornato 02:30
Caso Coop

Giovanardi: «La scelta dei Magistrati scardina il sistema democratico»

Il Sottosegretario: «Nel libro dell'Esselunga riassunte verità già note»

ROMA - «Siamo di fronte a decisioni giudiziarie incomprensibili che scardinano il sistema democratico. L'Esselunga ha riassunto in un libro una vasta documentazione da noi in gran parte già divulgata in due convegni nazionali e in un libro intitolato LA COOP SEI TU, CHI puoi FARE DI piuma? una infinita serie di privilegi e favoritismi che hanno portato al monopolio della grande distribuzione COOP in intere regioni, dati mai contestati ma ignorati dalla magistratura». Lo ha affermato in una dichiarazione il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Carlo Giovanardi.

«La magistratura viceversa - ha proseguito - interviene per condannare Esselunga e ordinare il ritiro e la distruzione del libro. Esponenti del governo e sindaci, eletti ai vari livelli con consenso dei cittadini giudicano inaccettabili manifesti pubblicitari che offendono il sentimento religioso, ma il TAR sospende l'ordinanza del Sindaco di Roma per rimuoverli rimandando all'otto ottobre la decisione nel merito, e consentendo così l'esposizione, con una vera e propria presa in giro per le istituzioni. A questo punto non si capisce davvero perché in Italia i cittadini siano chiamati a votare se la volontà popolare pretendono di rappresentarla i giudici».