31 maggio 2020
Aggiornato 18:30
Emergenza immigrati

Guterres (Unhcr): No assoluto ai respingimenti

«Inaccettabile l'accordo sui rimpatri con il Cnt, in Libia cìè la guerra civile»

ROMA - «Siamo assolutamente contrari, ci opponiamo a qualsiasi forma di respingimento». Lo ha ribadito l'Alto commissario dell'Onu per i rifugiati Antonio Guterres, chiamato a commentare in una conferenza stampa a Roma le politiche sull'immigrazione del governo italiano rivendicate ieri a Pontida dal ministro dell'Interno leghista Roberto Maroni, e il recente accordo siglato dall'Italia con il Consiglio nazionale transitorio (Cnt) di Bengasi.

«RESPINGIMENTI INACCETTABILI» - «Non consideriamo accettabile alcun respingimento di barche provenienti dalle coste libiche» ha spiegato Guterres. «Sappiamo che c'è una lettera d'intenti (fra governo italiano e Cnt) che è già stata firmata, oggi ho avuto modo di parlarne con un rappresentante del ministero degli Esteri (il sottosegretario Stefania Craxi, ndr), ma per quanto ci riguarda la politica dei respingimenti è inaccettabile perché in Libia c'è una situazione di guerra civile».
La procedura da seguire, in base agli standard internazionali, è quella che «laddove arrivino barche con migranti e richiedenti asilo, si deve consentire l'accesso a tutte queste persone, e poi coloro che hanno bisogno di protezione devono ottenere asilo, mentre gli altri possono essere rimandati indietro nel rispetto del diritto internazionale» ha proseguito l'Alto commissario dell'Onu.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal