30 luglio 2021
Aggiornato 02:00
Berlusconi

Avvenire: bestemmia insopportabile, serve sobrietà

Il giornale dei Vescovi: «Subito dopo l'impegno su tematiche care al mondo cattolico»

ROMA - Il giornale dei vescovi, Avvenire, all'attacco del premier Berlusconi per la barzelletta su Rosy Bindi con «insopportabile» bestemmia finale»: serve «un più alto dovere di sobrietà e di rispetto».
«Ci mancava solo la bestemmia dentro la barzelletta del premier, mentre un altro video ci ha proposto un Silvio Berlusconi che giochicchia con consunti stereotipi sugli Ebrei», scrive il direttore Marco Tarquinio in un editoriale. «Tutto questo ieri, all'indomani della riconfermata fiducia al governo e delle parole pesate e pesanti che il presidente del Consiglio dei ministri aveva pronunciato nelle aule di Camera e Senato, tra l'altro sottolineando la sua ben nota amicizia per Israele e riaffermando l'impegno dell'esecutivo a sviluppare una politica responsabile ed eticamente attenta su tematiche delicatissime, care anche e soprattutto al mondo cattolico».