8 aprile 2020
Aggiornato 18:30
Mafia

Oggi la sentenza per il processo Dell'Utri

Il senatore Pdl già condannato in primo grado a 9 anni. Il Procuratore Generale ora ne ha chiesti 11

PALERMO - Cresce a Palermo l'attesa per la conclusione del processo d'appello che vede coinvolto il senatore del Pdl Marcello Dell'Utri con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Oggi, nell'aula della seconda sezione penale del tribunale del capoluogo siciliano, infatti, i legali di Dell'Utri ripercorreranno i punti cardine su cui si è basato il loro impianto difensivo. Una linea che è sempre stata tesa a smontare l'accusa dei presunti incontri, avvenuti tra gli anni '70 e i primi anni '90, tra il senatore e alcuni boss storici di Cosa nostra interessati ai grandi affari edilizi in Lombardia, come la realizzazione del quartiere Milano 2, o all'ingresso indiretto nell'allora nascente partito politico di Silvio Berlusconi, Forza Italia.

9 ANNI IN PRIMO GRADO - Dopo aver dato spazio alle eventuali controrepliche da parte della pubblica accusa, la corte, presieduta dal giudice Claudio Dall'Acqua, si ritirerà in camera di consiglio. Su Dell'Utri, condannato in primo grado a nove anni, pende la richiesta di 11 anni di reclusione avanzata dal pg Nino Gatto.
La sentenza d'appello chiuderà di fatto un processo protrattosi fino ad oggi a causa dei numerosi colpi di scena che lo hanno interessato. Su tutti l'interruzione della requisitoria del procuratore generale, lo scorso 30 ottobre, per consentire l'audizione in aula del pentito Gaspare Spatuzza, e dei due fratelli Graviano, ex boss di Brancaccio.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal