20 gennaio 2020
Aggiornato 06:00

Marcegaglia difende Napolitano, ma «Premier governi»

Per il Presidente di Confindustria «Non abbiamo bisogno di elezioni», ma «serve armonia tra i poteri dello Stato»

SALERNO - «Non bisogna delegittimare le istituzioni, però dall'altra parte non va neanche bene chi vuole approfittare dell'esito del lodo Alfano per delegittimare il Governo». Lo ha affermato il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, a margine di un convegno promosso da 'Farefuturo'.

Secondo il leader degli industriali «il Governo deve andare avanti, Silvio Berlusconi deve andare avanti col suo Governo». Tuttavia, «dobbiamo in qualche modo salvaguardare il capo dello Stato - ha proseguito - perché così salvaguardiamo l'Italia».

Secondo Marcegaglia l'esecutivo «deve cercare di risolvere la crisi. In questo momento delicato - ha aggiunto - è importante non delegittimare le istituzioni, ma non abbiamo bisogno di elezioni. Anzi: abbiamo bisogno di un Governo, di un Governo di Silvio Berlusconi che vada avanti».

Tra i poteri dello Stato serve «collaborazione armonica ed efficace», ha proseguito Marcegaglia, in merito allo scontro tra il premier Silvio Berlusconi e il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, dopo la sentenza della Corte Costituzionale sul lodo Alfano.

«E' normale, giusto e corretto un confronto dialettico e, a volte, anche ruvido e forte - ha proseguito Marcegaglia intervenendo a un convegno promosso da 'Farefuturo' - ma guai a travalicare i limiti e a delegittimare un'istituzione».

Secondo il leader degli industriali «il risultato è delegittimare il Paese e non solo le istituzioni, che rendono più importante la Repubblica e il Paese. In questi casi c'è il rischio che prendano il sopravvento forze illegittime. Per questo è importante rispettare il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, perché così si rispetta l'Italia». Marcegaglia ha inoltre ribadito che «bisogna anche fare in modo che l'esecutivo sia solido e che vada avanti. Un governo cambia quando i cittadini decidono con il voto di cambiarlo. Berlusconi, quindi, vada avanti e porti avanti un piano di governo. Non amplifichi le polemiche, ma si concentri sui problemi veri del Paese. Questo è il momento della serietà e della responsabilità, non è il momento delle polemiche, della delegittimazione e delle risse».