19 gennaio 2020
Aggiornato 00:00
E' accaduto a Treviso

«Puzzi perché sei meridionale», mamma gli cambia scuola

Corsera: «Emarginato e deriso, insegnanti scuola non intervengono»

TREVISO - I compagni di scuola lo hanno preso di mira fino a quando sua madre, una donna napoletana, ha deciso di trasferire il figlio 12enne in un'altra scuola media. Era stanca delle offese e dei comportamenti razzisti che il ragazzino subiva dai compagni. È accaduto a Treviso. Lo riporta oggi il Corriere della Sera.

La donna, che ha raccontato la vicenda all'emittente televisiva «Antenna Tre Nordest«, ha sostenuto che il figlio veniva preso di mira in quanto «meridionale«.

La signora, che non ha presentato però alcuna denuncia, ha spiegato che gli altri alunni lo sbeffeggiavano, intonando canzoni contro i napoletani, dicevano che avevano paura di lui, «perché figlio di un camorrista», e lo emarginavano durante le attività scolastiche e ricreative.

Tra i gesti più odiosi riferiti dalla donna, anche l'abitudine di alcuni compagni del figlio di disinfettare le penne dopo che lui aveva toccate «perché puzzava». La signora - conclude l'articolo - ha provato a far presente la situazione alle insegnanti della scuola - un istituto del centro di Treviso - ma si sarebbe sentita rispondere che era il suo ragazzo ad essere problematico.