15 ottobre 2019
Aggiornato 11:00

Un gemellaggio tra le imprese della Sardegna e dell'Abruzzo

Dopo le polemiche nate con lo spostamento del G8 da La Maddalena a l'Aquila

CAGLIARI - L'assessore del Turismo, Commercio e Artigianato, Sebastiano Sannitu, in qualità di vicepresidente dell'esecutivo regionale ha incontrato questa mattina, a Cagliari nella sala Giunta, il presidente della Camera di Commercio di Cagliari, Giancarlo Deidda, ed il presidente del Centro Estero delle Camere di Commercio dell'Abruzzo, Ezio Ardizzi. Insieme hanno promosso un gemellaggio tra le imprese delle due regioni dopo le polemiche nate con lo spostamento del G8 da La Maddalena a l'Aquila.

«Ricevere in Sardegna il sistema delle imprese dell’Abruzzo in questo momento, è molto emozionante» - ha sottolineato il vice presidente della Regione, Sebastiano Sannitu - ringraziando il sistema camerale della Sardegna per aver organizzato questo «incontro-costruzione» tra le imprese abruzzesi e sarde.

Il tema centrale della visita, inteso senza sterili polemiche, ossia il trasferimento del G8 da La Maddalena a l'Aquila, è stato all'insegna della condivisione e della collaborazione tra le due regioni in modo da poter costruire, insieme, un solido rapporto di sostegno per superare le emergenze e meglio utilizzare le opportunità offerte dall’evento internazionale. La Giunta regionale ha assunto, in occasione del sisma che ha colpito nei mesi scorsi la regione Abruzzo, un impegno immediato di sostegno finanziario e di risorse umane.

Il gemellaggio con l'Isola nasce da una profonda simpatia ed amicizia tra Giancarlo Deidda e Ezio Ardizzi, presidente Centro Estero delle Camere di Commercio dell'Abruzzo, che si è ulteriormente rafforzata in occasione del recente terremoto che ha colpito la regione. «Questo grande evento per le imprese, valeva 600milioni di euro, ma dobbiamo superare le polemiche - ha dichiarato il presidente della Camera di Commercio di Cagliari, Giancarlo Deidda - e il mondo delle imprese sarde, senza contrasti, è accanto alla Giunta regionale per tutte quelle azioni che riterrà opportune per essere presenti, con i nostri prodotti, tra gli eventi in programma per il G8.»

«E’ per voi un grande sacrificio, una visibilità mancata - ha dichiarato Ezio Ardizzi - e vi sono veramente grato. Sono convinto che rinasceremo dalla disgrazia che ha colpito la mia Regione, e chiederò ai Grandi del G8: date tangibilmente al mondo la gratitudine della Sardegna». Ezio Ardizzi, un pescarese nato a l’Aquila, ha raccontato con visibile emozione e commozione, di una città dentro le mura, quella storica, che ormai non esiste più. Monumenti, chiese, lo storico Castello e quant'altro, è stato completamente distrutto dal terremoto e la ricostruzione necessita di enormi finanziamenti.

Il patto tra le due Camere di Commercio amiche e con molte affinità, prevede lo studio di azioni immediate e concrete, e su questo sono già a lavoro i funzionari e i dipendenti delle due strutture, affinché sia per le due regioni una opportunità di crescita, di sviluppo e di scambio di esperienze. Già dal prossimo 2 luglio, infatti, due voli diretti Ryanair collegheranno settimanalmente la Sardegna e l’Abruzzo con gli scali aeroportuali di Cagliari e Pescara.

Le due tartarughe, logo del G8, devono rappresentare la condivisione e la collaborazione tra le due regioni e non un «business» per altri.

A conclusione dell’incontro, la consegna di una medaglia ricordo da parte di Ezio Ardizzi al vice presidente della Regione, Sebastiano Sannitu, quale ringraziamento per il grande senso di solidarietà e ospitalità che da sempre caratterizza la Sardegna, ricevendo in cambio una collezione di volumi sulla storia della nostra Isola.