29 settembre 2020
Aggiornato 19:30
Tecnologia

Evita che la tua mail finisca in spam

Finire con una propria mail in spam non è una cosa piacevole, ecco delle piccole regole da seguire per evitare che questo accada

Posta elettronica
Posta elettronica Pixabay

Ormai la parola spam è entrata nel nostro quotidiano. Questa espressione è legata al concetto di e-mail e per possedere una casella di posta elettronica non bisogna essere per forza specialisti del settore, tutti infatti al giorno d’oggi posseggono praticamente una mail, che sia per affari di lavoro o per uso strettamente personale: insomma la tecnologia è per tutti. Ma cosa lega una semplice mail ad uno spam? Quest’ultimo è un’email reputata dal server di posta come un’email non sicura e per questo consegnata in una cartella dedicata.

Diversi sono i fattori che determinano la bassa reputazione dell'invio della mail

Finire con una propria mail in spam non è certo una cosa piacevole, cerchiamo di vedere se ci sono delle reali possibilità di evitare tutto questo: se le tue email sono consegnate nello spam vuol dire che la tua reputazione di invio si è abbassata e che bisogna immediatamente intervenire. Ma perché alcune mail vanno poi a finire in questo spam? Le ragioni sono diverse, trattandosi infatti dell’insieme di diversi fattori come ad esempio il tuo router o te stesso. Cosa significa questo? Il coinvolgimento dei tuoi contatti si può rivelare importante come

  • Un alto tasso dl clic e aperture
  • L’aggiunta di mittenti in rubrica e le risposte ad essi
  • Pochi clic su «segnala come spam»

ed in altri momenti della gestione della tua casella di posta elettronica. In poche e semplici parole è come se queste tue mail manifestassero una sorta di reclamo all’ISP, che è il server di posta, generando appunto lo spam che poi non è altro che l’abbreviazione di «spiced ham» ed è un tipo di carne in scatola. La carne in scatola spam è la centro di uno sketch del gruppo comico inglese Monty Python. Nel loro sketch una coppia di coniugi va in un ristorante. Il menu prevede come ingrediente principale di ogni piatto SPAM ed è impossibile avere un piatto senza! Lo SPAM è dappertutto anche se non è richiesto!

Evitare di finire in spam: piccole regole da seguire

Abbiamo capito allora che bisogna assolutamente evitare che le nostre mail vadano in spam. Ma come?

  1. Un buon metodo di partenza potrebbe essere senza dubbio utilizzare un programma di messaggio personalizzato con il nome del destinatario.
  2. Assicurarsi che il destinatario abbia dato l’ok alla ricezione del messaggio di posta elettronica.
  3. Usare un mittente riconoscibile ci mette al sicuro da ogni problema: è sempre preferibile inviare una mail che possa contenere un nome di persona piuttosto che nomi di dominio e di qualche brand.
  4. Potrebbe sembrare strano ma anche l’estetica in questo caso ha la sua importanza, dimensioni irregolari dei caratteri e colori troppo diversi potrebbero distrarre il destinatario ed «insospettire» i filtri anti spam
  5. E’ possibile urlare tramite mail? Certo, meglio quindi evitare di scrivere con le lettere maiuscole.

Non è quindi impossibile evitare di inviare email di spam: prestare attenzione e controllare il tasso di coinvolgimento dei tuoi contatti e creazione e contenuto dell’email stessa.