31 maggio 2020
Aggiornato 08:00
Digitale

Digitalizzazione degli acquisti e riorganizzazione degli asset aziendali

Velocità e innovazione vincono nell’era Coronavirus. Un cambiamento che continuerà anche post emergenza ridisegnando stili di vita e mappa del commercio in Italia

E-commerce
E-commerce Unsplash

TORINO - Un’emergenza sanitaria che si prepara a ridisegnare stili di vita e mappa del commercio in Italia, con una rivincita dei piccoli negozi di quartiere che sembravano in via d’estinzione e un vero boom di e-commerce e delivery, la cui onda si protrarrà anche a seguito dell’emergenza. Lo conferma l’azienda La Perla di Torino, realtà d’eccellenza nel cioccolato, che negli ultimi mesi ha visto il suo e-commerce volare a colpi di clic e che ha saputo innovare ulteriormente i suoi canali di vendita attivando nuove partnership con le più note app di delivery e un servizio tailor made di personal shopper in video call.

Una vera sfida per un’azienda a conduzione familiare che ha visto esplodere le richieste di acquisti online raggiungendo in pochi giorni numeri da grande distribuzione e che ha saputo riorganizzarsi in tempi record, restando sempre fedele alla sua anima artigianale e alla cura ai dettagli.

Aumento dell'e-commerce

Comparando i dati di vendita legati all’e-commerce degli ultimi due mesi del 2020 rispetto al 2019, l’aumento registrato è pari al + 400%: un numero ancor più rilevante visto che l’e-shop del brand era già un canale strategico e altamente performante da ben otto anni e che ha portato a una nuova riorganizzazione interna dello staff aziendale per gestire le richieste garantendo una consegna rapida.

Una vera rivoluzione digitale per gli italiani, che modificando le proprie abitudini di acquisto hanno preso maggiore confidenza con il mezzo online per farsi arrivare direttamente a casa la spesa o i prodotti desiderati. Per rispondere all’elevata domanda di ordini a domicilio e garantire una consegna capillare in poche ore La Perla di Torino ha potenziato anche servizi di delivery nella sua città stringendo partnership con Deliveroo e Cosaporto, attraverso i quali ha proposto delle speciali box e combo di prodotti perfetti per fare arrivare un dolce pensiero a un parente o amico lontano.

«Siamo molto orgogliosi del nostro lavoro e dei risultati raggiunti grazie agli strumenti messi in campo in questo particolare periodo. Abbiamo dimostrato di essere capaci di reagire in modo rapido al cambiamento e di rispondere con efficienza ai bisogni della nostra clientela.» racconta Valentina Arzilli, responsabile Marketing La Perla di Torino. «Questo ha coinvolto anche il nostro negozio di Via Catania a Torino, dove oltre ai prodotti La Perla di Torino sono disponibili anche marmellate, biscotti, pasta, sughi, caramelle, tè e infusi e l’introvabile farina, che i nostri clienti hanno richiesto di ricevere comodamente a domicilio grazie ai servizi che abbiamo attivato legati al delivery e alla spesa in videocall con il nostro personale presente in negozio. La digitalizzazione degli acquisti ha avuto una forte spinta e non si tornerà indietro, bisognerà quindi continuare a innovarsi e sapersi riorganizzare al meglio per essere competitivi e offrire un servizio quanto più curato ed efficiente.»

L'azienda La Perla

L’azienda La Perla di Torino ha inoltre riorganizzato la struttura e i flussi di lavoro per rispettare tutte le normative presentate nei Dpcm pubblicati finora, garantendo la massima sicurezza a staff e clientela. Presso la boutique di via Catania a Torino sono state montate barriere di plexiglass alle casse, messi a disposizione di dipendenti e clienti mascherine e guanti, disposto l’ingresso di un numero massimo di persone calcolato in base agli spazi e sottoposto gli ambienti a una sanificazione quotidiana. Per il futuro la maison torinese si atterrà alle nuove disposizioni del Governo, sia presso lo stabilimento di produzione che presso il punto vendita, mettendo in campo azioni di messa in sicurezza ancora più attente: ovvero ingressi frazionati per clienti e dipendenti, misurazione della temperatura, gestione sui flussi interni di negozio e azienda, oltre che una sanificazione oraria degli ambienti.

Dato il prolungarsi dell’emergenza e la paura legata al contagio, la parola d’ordine anche per i prossimi mesi sarà spesa online e delivery, una richiesta che ha fatto fare all’Italia intera un grande salto avanti verso una più omogenea digitalizzazione, che è riuscita a coinvolgere tutte le fasce d’età e i settori produttivi. La Perla di Torino è pronta a rispondere con soluzioni sempre più innovative e cura nel dettaglio, unendo la sua doppia anima fatta di modernità e attenzione alle tendenze, ma anche di legame con il territorio e artigianalità.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal