27 febbraio 2020
Aggiornato 20:00
FinTech

Come sono regolate le criptovalute in tutto il mondo?

I regolatori di tutto il mondo stanno gestendo la regolamentazione della criptovaluta in modi diversi. Diamo un'occhiata agli approcci di vari paesi e regioni verso la regolamentazione delle criptovalute

Come sono regolate le criptovalute in tutto il mondo?
Come sono regolate le criptovalute in tutto il mondo? ANSA

Con la diffusione delle criptovalute in tutto il mondo, i paesi stanno avendo a che fare con il modo di regolare il loro uso. Le criptovalute vengono utilizzate per una vasta gamma di scopi, tra cui trasferimenti di denaro a basso costo e transazioni finanziarie anonime. I servizi VPN spesso consentono ai propri utenti di pagare in modo anonimo utilizzando Bitcoin e altre criptovalute. Tuttavia, questa caratteristica è solitamente carente nelle VPN a basso costo.

I regolatori di tutto il mondo stanno gestendo la regolamentazione della criptovaluta in modi diversi. Diamo un'occhiata agli approcci di vari paesi e regioni verso la regolamentazione delle criptovalute.

Stati Uniti

Attualmente gli Stati Uniti non hanno un approccio legale coerente alla regolamentazione delle criptovalute. Le autorità federali come la Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN) e l'Internal Revenue Service (IRS) hanno definizioni diverse del termine «criptovaluta». I primi non li considerano legali, ma considerano gli scambi come trasmettitori di denaro mentre questi ultimi li considerano proprietà.

La Commodities Futures Trading Commission (CFTC) considera il bitcoin una merce e consente lo scambio pubblico di derivati ​​di criptovaluta. Attualmente, la Securities and Exchange Commission (SEC) utilizza il «Howey Test» per determinare se criptovalute come titoli e non considera bitcoin ed ethereum come titoli.

Gli Stati Uniti hanno evidenziato i rischi associati agli ICO e agli scambi. Alla fine del 2017, la SEC ha emesso un avvertimento agli investitori sottolineando che i mercati di criptovaluta e ICO, che attualmente operano, hanno una minore protezione degli investitori rispetto ai mercati dei titoli tradizionali e offrono maggiori opportunità di manipolazione e frode.

Regno Unito

Il Regno Unito non ha nuove leggi sulle criptovalute. Tuttavia, proprio come gli Stati Uniti, ha emesso numerosi avvertimenti sui pericoli dell'investimento negli ICO. Le criptovalute non sono considerate come moneta a corso legale nel Regno Unito e gli scambi devono essere registrati presso la Financial Conduct Authority (FCA).

I legislatori britannici hanno dato uno sguardo più da vicino allo spazio criptovaluta. Il Ministero del Tesoro del Regno Unito ha avviato un'indagine sulle valute digitali blockchain nel febbraio 2018 allo scopo di valutarne l'impatto e di esaminare attentamente i regolamenti della FCA e della Bank of England.

Il Comitato del Tesoro sta attualmente collaborando con queste istituzioni per stabilire regolamenti che saranno pubblicati nel 2019.

Unione europea

I 28 paesi membri dell'UE hanno tutti approcci diversi alla regolamentazione delle criptovalute. Tuttavia, sembra esserci il desiderio di creare un approccio unificato, anche se potrebbe essere difficile da realizzare.

Le autorità europee di vigilanza per le banche, i titoli, le assicurazioni e le pensioni hanno emesso dichiarazioni che mettono in guardia sui pericoli associati alle valute digitali. I legislatori europei hanno anche approvato una legge destinata a contrastare il riciclaggio di denaro sporco e parte della legge richiede che gli scambi di criptovaluta applichino controlli di diligenza come la verifica del cliente.

L'UE sta attivamente lavorando su ulteriori regolamenti e sta sviluppando un metodo per identificare i rischi che le valute digitali pongono.

Canada

Le criptovalute sono trattate come titoli a livello federale in Canada. Il Canadian Securities Administrators (CSA) ha emesso un avviso nel mese di agosto 2017 in cui si afferma che le leggi sui titoli in vigore si applicano alle criptovalute.

Mentre le criptovalute non sono considerate come moneta a corso legale in Canada, dal 2013 l'Agenzia delle Entrate canadese sta riscuotendo imposte su di esse. Nel 2014, il Canada ha portato entità che si occupano di valute digitali ai sensi del Proceeds of Crime and Terrorist Financing Act. Il primo fondo di investimento per soli criptovaluta è stato registrato dalla British Columbia Securities Commission nel 2017.

Sono previste ulteriori normative sulle criptovalute. Il Proceeds of Crime and Terrorist Financing Act è stato modificato dalle autorità canadesi nel giugno 2018 per coprire gli scambi di criptovaluta.

Cina

I regolatori cinesi hanno bloccato duramente le criptovalute dal 2014. In quell'anno, la Banca popolare cinese (PBOC) ordinò alle banche di chiudere i conti degli operatori di siti web che commerciavano usando le criptovalute. Nel 2017, le prime offerte di monete sono state bandite a titolo definitivo e gli scambi di criptovaluta sono stati interrotti.

Le criptovalute non sono considerate legali in Cina. Nel 2018, una task force appoggiata dal governo stava istruendo le autorità locali per incoraggiare i minatori ad abbandonare le loro attività. L'atteggiamento ostile della Cina nei confronti delle criptovalute ha portato le società minerarie e gli scambi di criptovalute a creare operazioni in regioni più favorevoli come Singapore, Giappone e Svizzera.

Corea del Sud

Le criptovalute non hanno corso legale in Corea del Sud. Gli scambi sono legali ma sono strettamente monitorati e regolamentati. Nel 2018, sono stati imposti obblighi di rendiconto più stringenti alle banche con conti gestiti da borse di criptovaluta.

Con l'obiettivo di ridurre al minimo gli effetti collaterali dell'utilizzo di criptovalute come l'evasione fiscale e il riciclaggio di denaro sporco.