22 maggio 2019
Aggiornato 09:30
tessile 4.0

A Biella il master per i tecnici della fabbrica tessile del futuro

Città Studi Biella presenta un nuovo progetto formativo altamente specializzato per la formazione Industria 4.0

A Biella il master per i tecnici della fabbrica tessile del futuro
A Biella il master per i tecnici della fabbrica tessile del futuro ( Shutterstock )

BIELLA - Innovazione, moda e design si incontrano nella fabbrica del futuro. Una fabbrica dove trovano spazio non solo nuove tecnologie (sensori e macchinari connessi a internet), ma anche modelli di produzione completamente nuovi e, soprattutto, nuove competenze digitali. Dati Eurostat, in Europa il 44% delle persone ne è completamente sprovvisto. E in Italia, in media, solo il 30% degli studenti conosce la definizione corretta di strumenti dell’innovazione digitale applicati al business come «mobile advertising», «cloud», «fatturazione elettronica» o «big data» (erano il 25% due anni fa), mentre ben il 60% non ha mai sentito nominare alcune delle principali aree dell’innovazione digitale, come blockchain, Internet of Things o Industria 4.0.

Questi dati, chiaramente, ci fanno ben comprendere quanto una formazione adeguata sia ormai necessaria a superare questo importante gap tra domanda del mercato e offerta da parte dei lavoratori. Ed è proprio per accorciare questa distanza che Città Studi di Biella ha recentemente presentato un nuovo progetto formativo altamente specializzato, che si inserisce nell’ambito della formazione di Industria 4.0. Sustainability, Technology, Design, Internet of Things: queste le parole chiave del Master universitario di I livello «Fiber Design and Textile Processes», che Città Studi Biella e POLI.design del Politecnico di Milano hanno ideato per rispondere ai bisogni delle imprese in cerca di una figura emergente capace di coniugare in modo trasversale competenze innovative.

Un Master completamente in lingua inglese con due anime complementari, come le due sedi: Biella, capitale storica dell’imprenditoria tessile di qualità, e Milano, capitale dell’innovazione e del design. Quattro moduli didattici, con la possibilità di iscriversi anche singolarmente: un’opportunità soprattutto per le aziende che hanno necessità di introdurre o rafforzare specifiche competenze interne in uno o più ambiti previsti dai moduli. Per chi segue il ciclo completo è previsto un periodo di stage indirizzato a neolaureati o professionisti che desiderano specializzarsi e dare il loro positivo contributo allo sviluppo aziendale.

Docenza congiunta di accademici e professionisti di settore per una didattica business oriented che dialoga e si confronta con il mondo dell’industria. Non a caso sono già numerosi i brand di eccellenza del tessile mondiale che hanno deciso di aderire in partnership al progetto. Fra questi, vi sono nomi di primo piano come: Albini Group; Zegna Baruffa Lane Borgosesia; Davifil; Di.vé; Drago; Ermenegildo Zegna Group; Filidea; Gruppo Marzotto con Fratelli Tallia di Delfino, Guabello, Marlane; Italtex; Laros; Liabel; Loro Piana; Marchi e Fildi; Michele Letizia; Piacenza Cashmere; Pozzi Electa; Reda; Roj; Reggiani; Subalpino; Tintoria e Finissaggio 2000; Tintoria di Pollone; Yamamay. Con il supporto di: ACIMIT, Federchimica Assofibre Cirfs Italia e Unione Industriale Biellese.

Insomma, le anime di due città che hanno dedicato buona parte della loro storia industriale al settore tessile e alla moda si fondono insieme per offrire una nuova opportunità ai giovani del territorio, sempre più chiamati a sviluppare competenze digitali per il proprio futuro. Il Master è in partenza a ottobre 2018. Le scrizioni sono aperte sino al 3 settembre 2018.