22 agosto 2019
Aggiornato 20:30
food delivery

Alibaba vuole controllare il mercato del food delivery in Cina

La Cina è il più grande mercato alimentare online al mondo, e si prevede che raddoppierà la sua crescita entro il 2020

Alibaba vuole controllare il mercato del food delivery in Cina
Alibaba vuole controllare il mercato del food delivery in Cina Shutterstock

PECHINO - Con un unico affare, Alibaba potrebbe dominare il mercato on-line di consegna alimentare in Cina. Il colosso cinese sarebbe in trattativa per acquisire il restante 68% della quota rimanente di Ele.me, la sua unità di consegna alimentare che collega i ristoranti con i clienti utilizzando internet. Un’acquisizione che probabilmente costerà circa 9,5 miliardi di dollari.

La prevista acquisizione di Alibaba potrebbe aumentare notevolmente il potere del colosso nella Cina. Ele.me costituisce, infatti, il 50% del mercato cinese di consegna on-line di cibo, mentre il concorrente Meituan controlla «solo» il 43,5%. La Cina è il più grande mercato alimentare online al mondo, e si prevede che raddoppierà la sua crescita entro il 2020, secondo IGD, un'organizzazione internazionale di ricerca alimentare. L'industria ha avuto l’80% di crescita su base annua nel 2017. Motivo di questa crescita sono probabilmente la grande densità di popolazione, il costo inferiore della manodopera e un mercato frammentato degli alimenti e delle bevande a causa del maggior numero di piccoli negozi senza capacità logistiche. Oltre a una cultura digitale piuttosto affermata.

L'acquisizione di Ele.me, inoltre, potrebbe creare sinergie per Alibaba per andare oltre la consegna di cibo, incrementando l’espansione di Alipay e rafforzando la consegna dell’ultimo miglio con le sue iniziative «New Retail», che l'azienda spera possa ulteriormente infondere tecnologia ed e-commerce nei negozi fisici.

Lo scorso novembre, Alibaba ha acquisito una partecipazione del 36% nel più grande operatore alimentare cinese, Sun Art Retail Group. Sun Art gestisce circa 450 ipermercati in tutta la Cina. Ha inoltre continuato a lanciare i suoi supermercati «Hema» nell’ambito della sua visione «New Retail».