26 maggio 2020
Aggiornato 05:00
blockchain

Perchè la metà delle ICO lanciate nel mondo è già fallita

Il mondo ha preso coscienza sulla tecnologia Blockchain e sulle ICO. Ma è un arma a doppio taglio

Perchè la metà delle ICO lanciate nel mondo è già fallita
Perchè la metà delle ICO lanciate nel mondo è già fallita Shutterstock

MILANO - Il mondo della Blockchain è, o almeno una volta era, intrinsecamente esclusivo. Il motivo è che, sin dall'inizio, gli imprenditori, gli investitori e i consumatori al di fuori della comunità degli sviluppatori, hanno lottato per comprendere appieno quanto grande sia la prospettiva di un mondo «governato» dalla Blockchain.

In realtà, è stato solo nell’ultimo anno che il mondo in generale ha cominciato a capire le implicazioni potenzialmente enormi della Blockchain, sia finanziariamente che socialmente. Oggi, le applicazioni emergenti hanno un vantaggio che mancava a quelle che in passato si contendevano le ICO: essere riconoscute. La gente ora si rende conto che la Blockchain è il futuro, perché i media continuano a dirlo. Insomma, se lanci un’ICO sei un figo e stai facendo qualcosa di veramente innovativo.

Eppure questa presa di coscienza è anche una spada a doppio taglio. Secondo una recente indagine di Bitcoin.com, il 46% delle ICO lanciate nel 2017, sembrerebbe essere legato a criptovalute già fallite. Secondo la piattaforma, che ha appunto condotto uno studio delle ICO sulla base dei dati a loro volta raccolti da Tokendata, delle 902 offerte dello scorso anno quasi la metà si è risolta in un nulla di fatto. Con l’evidente perdita dei capitali da parte di chi ci aveva scommesso.

La bolla, scoppiata, ha fatto - naturalmente - esplodere l’interesse dei media e delle istituzioni. Dall’inizio del 2018, le ICO sono state praticamente messe alla forca e associate più volte alle truffe. Gli investitori, e la comunità finanziaria in generale, ora vogliono che le applicazioni crittografiche offrano più di semplici ipotesi e white paper: vogliono la prova del valore di tali applicazioni.

Mentre, nel lungo periodo, questa tendenza probabilmente stimolerà lo sviluppo della Blockchain, sradicando (speriamo) le truffe dalle applicazioni praticabili, in questo momento sta scatenando sfiducia nei confronti delle soluzioni basate su questa incredibile tecnologia. Affinché la Blockchain possa davvero guidare il tipo di rivoluzione globale che vogliono i suoi sostenitori, l'industria nel suo complesso deve aiutare le persone a comprendere la sua struttura e quindi i suoi benefici a lungo termine. Attraverso un’attenta, chiara e accurata diffusione sui social media. Le imprese Blockchain, in particolare, devono costruire una comunità per dare ai consumatori alle prime armi le risorse e il supporto di cui hanno bisogno e collegarli a coloro che hanno già familiarità con il prodotto e il concetto.

Quindi, come si costruisce una tale comunità di sostegno prima di lanciare una campagna ICO? Ecco due passi da fare:

Capire il pubblico

La gente non ha bisogno di sapere qualsiasi sfumatura sulla tua Blockchain. Se la tua organizzazione produce solo contenuti sociali altamente tecnici, perderai la possibilità di creare connessioni reali e durature con i consumatori. Meglio, invece, concentrarsi sulla costruzione di contenuti intorno a casi d'uso reale che spieghino i modi in cui la vostra applicazione migliorerà la vita delle persone. Ad esempio, se la vostra applicazione mira a migliorare la trasparenza della supply chain nelle comunità in via di sviluppo, potreste creare contenuti multimediali ricchi che mettano in evidenza le storie reali di persone e aziende in quelle aree che necessitano di libri contabili decentralizzati veloci, accessibili e responsabili.

Creare contenuti che parlino agli investitori

Se siete nella fase in cui dovete promuovere la vostra applicazione per ricevere finanziamenti dagli investitori, dovrete concentrare i vostri sforzi e le vostre risorse su LinkedIn. Creare una pagina aziendale che metta in evidenza i componenti chiave della vostra applicazione, i membri del team e lo sviluppo di qualsiasi prodotto, ad esempio, potrebbe servire da base per i vostri sforzi. Poi, c'è un contenuto sociale. Quando si creano contenuti sociali con lo scopo primario di innescare relazioni con gli investitori, è sempre necessario promuovere il proprio "valore aggiunto». Gli investitori di oggi sono inondati di prodotti e contenuti basati su Blockchain.

Quando si tratta di costruire comunità sociali, è utile presentare sempre contenuti che individuino ciò che distingue voi e la vostra applicazione dal resto del pacchetto. E assicuratevi che la vostra comunità sappia cosa comporta.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal