Innovazione | Startup

Agevolazioni per startup: gli incentivi di Smart&Start Italia

Tutte le informazioni utili alle startup per beneficiare degli incentivi e agevolazioni concessi da Smart&Start Italia

Agevolazioni per startup: gli incentivi di Smart&Start Italia
Agevolazioni per startup: gli incentivi di Smart&Start Italia (Shutterstock.com)

ROMA - Anche per il 2018 saranno attive le agevolazioni per startup relative ai finanziamenti concessi attraverso Smart&Start di Invitalia, programma volto a sostenere la nascita e lo sviluppo delle startup innovative. Le agevolazioni sono state introdotte con decreto del Ministro dello sviluppo economico datato 24 settembre 2014. Qui tutta la normativa.

Agevolazioni per startup: Smart&Start
Il programma consiste nella possibilità di finanziare fino a 1,5 milioni di euro le startup innovative, con un finanziamento a tasso zero da restituire entro 8 anni che potrà arrivare fino al 70% dell'investimento totale. La percentuale massima di finanziamento potrà salire all’80% se la startup è costituita esclusivamente da donne o da giovani, oppure se al suo interno c’è almeno un dottore di ricerca italiano che sta lavorando all’estero e sceglie di rientrare in Italia. Inoltre, solo per le startup con sede nel Mezzogiorno e nel Cratere sismico dell’Aquila, è previsto un contributo a fondo perduto del 20%. Per le sole imprese costituite da non più di 12 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione è possibile ottenere servizi di tutoraggio tecnico-gestionale.

Cosa copre l’agevolazione
La business idea dovrà avere caratteristiche tecnologiche e innovative, oppure sviluppare prodotti, servizi o soluzioni nel mondo dell’economia digitale, o valorizzare economicamente i risultati del sistema della ricerca. Sono finanziabili anche gli investimenti in marketing e web marketing, i marchi, i brevetti e le licenze. Sono ammissibili programmi di investimento aventi oggetti l’acquisizione di macchinari, attrezzature tecnologiche, componenti hardware e software, progettazione, sviluppo, personalizzazione, collaudo di soluzioni architetturali informatiche e di impianti tecnologici produttivi, consulenze specialistiche tecnologiche funzionali al progetto di investimento, nonché relativi interventi correttivi e adeguativi. I programmi di investimento devono essere avviati successivamente alla presentazione della domanda di agevolazione ed essere realizzati entro 24 mesi dalla stipula del contratto di finanziamento, pena la revoca delle agevolazioni.

Leggi anche: Agevolazioni per startup: finanziamenti a tasso zero per imprese

I beneficiari
Possono beneficiare delle agevolazioni le startup costituite da non più di 60 mesi, di piccola dimensione, con sede legale e operativa ubicata su tutto il territorio nazionale, regolarmente iscritte nell’apposita sezione del Registro delle Imprese. Le persone fisiche che vogliono costituire una startup innovativa, compresi i cittadini stranieri in possesso del visto startup.

Come richiedere le agevolazioni
E’ necessario registrarsi alla piattaforma dedicata ai servizi online di Invitalia indicando un indirizzo di posta elettronica ordinario, accedere successivamente all’area riservata per complicare direttamente la domanda online, caricare il business plan e la documentazione da allegare. Per concludere la procedura di presentazione della domanda è necessario disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC). Qui la pagina ufficiale.