31 maggio 2020
Aggiornato 05:30
digital payments

Alibaba fa pagare il pollo fritto di KFC con un sorriso (riconoscimento facciale)

Questa tecnologia di riconoscimento facciale è in fase di test con ilo colosso del fast food FKC: basta una semplice scansione del viso per effettuare il pagamento

Alibaba fa pagare il pollo fritto di KFC con un sorriso (riconoscimento facciale)
Alibaba fa pagare il pollo fritto di KFC con un sorriso (riconoscimento facciale) Shutterstock

PECHINO - Quando si tratta di pagamenti digitali l’Asia detiene una posizione di vantaggio rispetto agli altri Paesi, la Cina in particolare. Alibaba, in particolare. L’ultima tecnologia ha dell’incredibile e, forse, anche un po’ del ‘divertente’. Attraverso il riconoscimento facciale sarà possibile effettuare pagamenti semplicemente mostrando un sorriso lampeggiante (anche se siamo di cattivo umore ndr.). L’affiliata Ant Financial di Alibaba ha lanciato il servizio ‘stile to pay’ a Hangzhou, la sede globale dell'azienda, dove è in fase di sperimentazione con il colosso delle crocchette di pollo fritto KFC.

Tre, due, uno… smile
E’ sufficiente registrarsi all’applicazione Alipay, abilitare il riconoscimento facciale e riporre lo smartphone nelle tasche: una telecamera 3D situata nel punto vendita scansiona il volto del cliente per verificarne l’identità, oltre a una verifica del numero di telefono per una maggiore sicurezza.

Un sorriso per comprare il pollo da KFC
L' azienda ha mostrato per la prima volta la tecnologia di riconoscimento facciale all'IFA di Berlino due anni fa, quando il presidente Jack Ma ha mostrato alcune capacità di base, tra cui la possibilità di effettuare pagamenti semplicemente scattando un selfie. Da allora Alibaba ne ha fatta di strada e ha migliorato nettamente la tecnologia proprietaria che, peraltro, ha raccolto oltre 150 milioni di dollari da diversi investitori. Il colosso del fast food KFC è la prima azienda ad adottare questo servizio, dato che Alibaba è investitore in Yum China, spin-off di Yum Brands, l’azienda madre dei più grandi giganti del fast food come Pizza Hut, Taco Bell e, appunto, KFC. Alibaba, infatti, aveva già incorporato i servizi di pagamento Alipay nei ristoranti KFC, con l’obiettivo di aiutare Yum China a fornire servizi di pagamento mobile a decine di milioni di clienti in tutto il mondo, attraverso i suoi marchi. C'è da dire poi che, Alipay, di suo conta 400 milioni di clienti. Il che non è affatto poco.

Strategia online-offline
In questo senso Alibaba sta portando avanti la sua visione futura del commercio elettronico, che - suo avviso (ma non solo suo) - integra elementi della vendita al dettaglio online e offline. All’inizio di questa estate ha lanciato un negozio cashless e gestisce 10 negozi nei pressi di Shanghai che utilizzano un’applicazione mobile per ottimizzare l’esperienza del cliente, utilizzando i dati per fondere gli acquisti online e offline. E così, per mangiare ali di pollo fritto, basterà un sorriso (anche se il cibo non è proprio il massimo).

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal