ecommerce

Come Amazon potrebbe distruggere Victoria's Secret e Foot Loker

Mentre Amazon si espande anche in più aree della vendita al dettaglio, il numero delle aziende in pericolo è crescita. Ci sono anche Victoria's Secret e Foot Loker

Come Amazon potrebbe distruggere Victoria's Secret e Foot Loker
Come Amazon potrebbe distruggere Victoria's Secret e Foot Loker (ANSA)

SEATTLE - L’America ricorda. Non può fare altro con alcune delle storiche catene che vendevano libri in USA come Borders, Circuit City, Tower Records. Tutti store dalle grandi dimensioni (e fatturato) nel 1995, l’anno che segna il debutto di Amazon nel mondo. Oggi, di quelle storiche catene, non è rimasto più nulla, schiacciate in buona parte dalla pressione del rivenditore on-line che ha preso il sopravvento nel panorama commerciale americano (e non solo americano). La società di Bezos è stata più volte incolpata di aver distrutto le cosiddette ‘catene al minuto’, cambiando per sempre il nostro modo di acquistare beni. In realtà, il percorso verso il dominio globale di Amazon è solo all’inizio. Tanto che negli USA una ditta d’investimento ha stilato una vera e propria «lista della morte» che tiene traccia dei prezzi delle azioni di 54 catene di vendita che potrebbero essere maggiormente minacciate dal colosso di Bezos.

Mentre Amazon si espande anche in più aree della vendita al dettaglio, dai negozi alimentari fino alla vendita di parti d’auto, il numero delle aziende in pericolo è crescita. Alcune di queste, anche di grandi dimensioni, potrebbero soccombere rapidamente se non attuano una soluzione per contrastare il dominio di Amazon. Tra queste ci sono anche il celebre marchio di intimo Victoria’s Secrets e il rivenditore di calzature Foot Loker. Li conosciamo bene anche noi, in Italia, e molto probilmente abbiamo effettuato un'acquisto presso i loro punti vendita almeno una volta nella vita.

Victoria’s Secrets
Prezzi elevati, negozi dalle luci abbaglianti e un’interazione spesso spiacevole con il personale. Sono questi alcuni degli elementi che potrebbero rendere lo shopping di biancheria intima un’esperienza spiacevole per molte donne. E Amazon è in procinto di scommettere che sarà in grado di trasformare quell’insoddisfazione in un vero e proprio business vincente, allontanando le donne da negozi come Victoria’s Secrets e offrendo loro regali e scontistica. Come ha fatto in altri settori, Amazon sarebbe disposto a sacrificare il profitto nel tentativo di convincere le donne a fare acquisti online. Il colosso di Seattle potrebbe mettere i bastoni tra le ruote anche ad altre catene che già vendono lingerie a basso costo. La vendita di abbigliamento intimo online, tuttavia, rappresenta una sfida poiché è difficile per l’utente capire quale sia la misura adatta. Tuttavia per Amazon potrebbe essere arrivato il momento di surclassare Victoria’s Secret, responsabile di due terzi di tutte le lingerie vendute negli USA: le sue vendite, infatti, sono in drastica discesa. Inoltre, non vendendo reggiseni di grandi dimensioni molte donne non possono fare acquisti presso il negozio e potrebbero già essere intenzionate a rivolgersi ad Amazon per trovare ciò che desiderano.

Foot Loker
Questa è un’altra grande catena internazionale che potrebbe presto smettere di vedere la luce del sole. All’interno del mercato americano delle calzature atletiche, la quota di Amazon potrebbe raddoppiare fino al 18% entro il 2022. E questo è dovuto anche al recente accordo che il colosso di Bezos ha siglato con Nike, che comincerà quindi a vendere online (sì proprio su Amazon) le sue calzature. Di fatto Nike rappresenta uno dei principali fornitori di abbigliamento sportivo al mondo. Finora Nike si è affidata fortemente a negozi al dettaglio come Foot Loker per vendere i suoi prodotti, che hanno costituito il 68% delle vendite della catena nel 2016. Ora però le cose stanno cambiando e Foot Loker è davvero nei guai. In un primo momento Nike venderà su Amazon solo alcuni beni. Se le cose andranno bene l’offerta sarà ampliata.