24 novembre 2020
Aggiornato 18:30
digitale

Le aziende hanno bisogno di dipendenti capaci, ma non fanno nulla per formarli

Sebbene il 90% degli intervistati consideri la digital transformation un fattore determinante per la strategia globale della propria azienda, lo sviluppo di competenze mirate è una rarità. Molto poche le imprese che fanno formazione

VIMERCATE - Se da una parte le aziende considerano la trasformazione digitale il passo fondamentale da compiere per restare competitive sul mercato, dall’altra molte non hanno ancora definito una strategia per dotare i propri dipendenti delle competenze necessarie per un’appropriata alfabetizzazione digitale. E’ questo il trend che emerge da una recente ricerca condotta dalla Technical University of Munich e da SAP sui decision maker business e IT di 18 Paesi.

La necessità delle competenze
Un trend che, nonostante la consapevolezza, aumenta costantemente. Se nel 2015 il 53% delle aziende considerava i propri dipendenti non in possesso delle competenze necessarie per una trasformazione digitale di successo, nel 2017 questa percentuale è cresciuta fino a raggiungere il 64%. Un vero e proprio paradosso, che trova le sue fondamenta nella crescente velocità dell’innovazione tecnologica e la consolidata consapevolezza dell’importanza della trasformazione digitale per il futuro delle  imprese. Malgrado sia aumentata questa consapevolezza, le imprese continuano a essere disorientate

Poche imprese fanno formazione
Sebbene il 90% degli intervistati consideri la digital transformation un fattore determinante per la strategia globale della propria azienda, lo sviluppo di competenze mirate è una rarità. Restano ridotte le imprese (16%) ad aver istituito un programma dedicato di recruiting o di formazione per costruire la base di competenze necessaria per formare il futuro digitale della propria azienda. C’è ora ampio accordo tra i rispondenti per quanto riguarda i set degli skill digitali necessari. Per massimizzare il potenziale di business della digitalizzazione, le aziende devono collaborare con i dipendenti per infondere le conoscenze e le competenze necessarie per una transizione indolore. «Il talento digitale sta minacciando di diventare il collo di bottiglia maggiore nella digitalizzazione delle organizzazioni. Il deficit di competenze digitali è ancora tra le barriere più alte per la digital transformation - ha dichiarato Bernd Welz, executive vice president and chief knowledge officer, Products and Innovation di SAP -. Investire nell’educazione e nelle competenze dei dipendenti non è mai stato così importante, poiché lo sviluppo dell’alfabetizzazione digitale nella forza lavoro consentirà alle imprese un percorso senza interruzioni verso la digital transformation».

Un piano per lo sviluppo delle conoscenze
«Questo studio sottolinea come molte organizzazioni siano ancora nella fase di orientamento della trasformazione digitale - ha detto il Prof. Krcmar, chair for Information Systems, Department of Informatics, Technical University of Munich -. Dato che nuove tecnologie continuano ad emergere, le aziende devono essere proattive nel definire un percorso chiaro per l’implementazione digitale che includa tutte le aree e i livelli aziendali». Un piano strutturato di recruiting e sviluppo delle conoscenze basato su un’analisi dei bisogni di apprendimento è stato identificato come un fattore chiave per aumentare la capacità dei dipendenti di coprire nuovi ruoli in azienda e crescere professionalmente.